EHPA: tendenze nel mercato delle pompe di calore

Comprendere le ultime tendenze nel settore delle pompe di calore è essenziale per i produttori, i responsabili politici e i consumatori. Seguire gli sviluppi tecnologici, i cambiamenti normativi e le dinamiche dei prezzi consente al settore di pianificare e adattarsi in base alle necessità. Ciò significa anche che i produttori possono migliorare la qualità dei loro prodotti e promuovere l’innovazione, i responsabili delle decisioni possono pianificare a lungo termine e i consumatori possono prendere decisioni informate e comprendere meglio la tecnologia. 

Per fare maggiore chiarezza sulle ultime tendenze del mercato, il 21 marzo l’EHPA ha organizzato un webinar dal titolo “Tendenze di mercato e sviluppi del settore delle energie rinnovabili per il riscaldamento e il raffreddamento”. Il webinar faceva parte del progetto finanziato dall’UE “European Technology and Innovation Platform on Renewable Heating and Cooling” (RHC-ETIP). 

L’evento online ha riunito tre esperti del settore del riscaldamento e raffreddamento pulito:  Christoph Brunner – CEO di AEE INTEC Austria; Neil Turley – Managing and Engineering Director di Netgreen.eu OU e Netgreensolar Ltd e Andrea Voigt – Vice President and Head of Global Public Affairs and Sustainability di Danfoss Climate Solutions. I relatori hanno avuto la possibilità di presentare e rispondere alle domande del pubblico.  

Una delle maggiori tendenze del mercato è il ruolo crescente delle pompe di calore nella decarbonizzazione industriale, ha affermato Christoph Brunner.  

«Ci sono tre aree principali da considerare quando si parla di decarbonizzazione industriale: l’approvvigionamento energetico, i processi industriali e l’economia circolare. Le pompe di calore – che sono altamente efficienti, possono essere alimentate con elettricità rinnovabile e possono recuperare il calore di scarto – sono cruciali in tutti e tre questi ambiti» ha affermato.  

Altre tendenze includono l’integrazione di strumenti digitali nei sistemi a pompa di calore e l’aumento dell’approvvigionamento di energia solare termica per le pompe di calore, ha concluso Brunner.  

Gli ha fatto eco Neil Turley, che ha spiegato come la combinazione di fotovoltaico e pompa di calore sui tetti sia diventata sempre più comune, soprattutto nelle regioni mediterranee.  

Tuttavia, se l’Europa vuole aumentare le installazioni di pompe di calore, come previsto da REPowerEU, deve affrontare l’elefante nella stanza: il suo vecchio patrimonio edilizio – ha osservato Turley.   Â«L’ammodernamento può essere una sfida. Le norme edilizie sono diverse in tutta Europa, alcune infrastrutture di rete locali sono obsolete e, spesso, c’è una scarsa comprensione dei servizi edilizi e dell’integrazione delle pompe di calore. I governi dovrebbero utilizzare un approccio “bastone e carota”, emanando norme e regolamenti in combinazione con sussidi per sostenere i consumatori» ha affermato Turley.  

Per dirla con le parole di Andrea Voigt, che ha preso la parola per l’ultima presentazione: «Se si parla di ristrutturazioni edilizie, è impossibile non citare la Direttiva sul rendimento energetico degli edifici (EPBD)». 

Recentemente adottata dal Parlamento europeo, la direttiva impone agli Stati dell’UE di incentivare le ristrutturazioni e di rendere gli edifici a emissioni zero entro il 2050. Stabilisce inoltre un calendario per l’eliminazione graduale delle caldaie a combustibile fossile e dei sussidi per i combustibili fossili.  

«La decarbonizzazione dei nostri edifici è un compito enorme, quindi dobbiamo abbattere i silos. Abbiamo bisogno di una maggiore sinergia tra il settore delle pompe di calore e quello del teleriscaldamento e del teleraffrescamento, ad esempio. I consumatori devono essere consapevoli che le soluzioni rinnovabili sono anche efficienti dal punto di vista energetico e i governi che le politiche energetiche e climatiche sono in realtà complementari» ha spiegato Voigt.   

«Alcune città, come Sonderborg in Danimarca, stanno già attuando questo approccio olistico attraverso partenariati pubblico-privati. Se lo sta facendo Sonderborg, probabilmente può farlo anche la vostra città!» ha aggiunto. 

Figura 4: