GEA supporta l’industria navale come fornitore di sistemi in soluzioni per i combustibili del futuro: l’ammoniaca è un’opzione

Le compagnie di navigazione che si affidano all’ammoniaca come alternativa al diesel e all’olio combustibile pesante per i carburanti dei motori marini possono contare sul supporto di GEA nello sviluppo di tecnologie appropriate. GEA prevede di supportare l’industria navale nella riduzione delle emissioni in qualità di fornitore di sistemi con soluzioni interne. Lo ha annunciato il produttore di macchine e impianti e fornitore di sistemi GEA alla conferenza internazionale “Ship Efficiency” ad Amburgo il 27 e 28 settembre 2021. Nello sviluppo di concetti appropriati per l’uso dell’ammoniaca (NH3), GEA fa affidamento sui suoi numerosi anni di esperienza e competenza nella tecnologia dei separatori, nonché nella tecnologia di refrigerazione e riscaldamento che utilizzano refrigeranti naturali come CO2 e ammoniaca.

“Tra 30 anni, circa un quarto delle navi sugli oceani sarà alimentato ad ammoniaca”

Per ridurre le emissioni nocive, in futuro sempre più navi saranno alimentate con combustibili alternativi all’olio combustibile pesante e al diesel. Gli esperti di DNV, una società di classificazione internazionale e fornitore di servizi nei settori della consulenza tecnica, dei servizi di ingegneria, della certificazione e della gestione dei rischi, prevedono che entro circa 30 anni al più tardi, circa un quarto di tutte le navi sugli oceani del mondo sarà alimentato ad ammoniaca – accanto a diesel, gas di petrolio liquefatto, olio combustibile pesante e biocarburanti.

Trasporti decarbonizzati

Con l’ammoniaca come carburante e una miscela diesel al 5%, i trasporti navali possono essere quasi completamente decarbonizzati a lungo termine. Il motivo è che l’ammoniaca brucia senza emettere CO2. Tuttavia, il fattore decisivo in termini di rispetto del clima è che la produzione di ammoniaca, un processo ad alta intensità energetica, venga convertita a fonti di energia rinnovabile. Un altro vantaggio è che l’ammoniaca trasporta anche l’idrogeno legato nella molecola (NH3), che può essere convertito in elettricità in loco nelle celle a combustibile. Un altro chiaro argomento a favore dell’ammoniaca è che esiste una grande esperienza in tutto il mondo nella produzione, nello stoccaggio e nella logistica di tale liquido. Naturalmente, come accennato in precedenza, la produzione deve ancora essere convertita alle fonti rinnovabili. Inoltre, ci si può aspettare che ci sarà una fornitura stabile di ammoniaca, poiché molti luoghi stanno lavorando a metodi di produzione dell’ammoniaca basati su energia rinnovabile.

L’ esperienza di GEA nella gestione tecnica e in sicurezza dell’ammoniaca

GEA ha sviluppato una vasta esperienza nelle proprietà rilevanti per la progettazione della nave e la gestione tecnica a bordo. Inoltre, c’è una grande esperienza nella gestione in sicurezza dell’ammoniaca. A pressione ambiente essa diventa liquida già a -33°C ed è quindi meno costoso in termini di energia da movimentare e mantenere fredda rispetto al gas naturale (gas naturale liquefatto – GNL), dove questa temperatura si aggira intorno ai -160 °C. Nel caso dell’idrogeno la temperatura sarebbe addirittura intorno ai -260 °C. Nel caso dell’idrogeno la temperatura sarebbe intorno ai -5°C. Per l’idrogeno sarebbe addirittura intorno ai -250 °C. È quindi relativamente facile e richiede relativamente poca energia mantenere l’ammoniaca liquida.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here