Uno sguardo in casa d’altri: refrigerazione domestica in Grecia

In tutto il mondo le abitudini alimentari sono cambiate con l'avvento del frigorifero. Anche se era stato commercializzato in massa negli anni 1950, le casalinghe greche hanno avuto bisogno di un po' di tempo prima di lasciarsi convincere a incorporare questi elettrodomestici nelle loro cucine.
Courtesy: Archivio storico Fiera Milano

In tutto il mondo le abitudini alimentari sono cambiate con l’avvento del frigorifero. Anche se era stato commercializzato in massa negli anni 1950, le casalinghe greche hanno avuto bisogno di un po’ di tempo prima di lasciarsi convincere a incorporare questi elettrodomestici nelle loro cucine. Il progetto COLDGR, finanziato dall’UE, ha prodotto un resoconto retrospettivo della refrigerazione meccanica in Grecia, che racconta lo sviluppo della catena del freddo in Grecia dagli anni 1920 al 2000, mettendo nel contesto la refrigerazione industriale e domestica. Particolare attenzione è stata data all’industria del pesce congelato e alla refrigerazione di prodotti agricoli. I membri del progetto si sono concentrati soprattutto sul periodo compreso tra il 1950 e il 1970. Questo periodo è stato caratterizzato dallo sviluppo della catena del freddo e dalla graduale diffusione di frigoriferi domestici elettrici nelle abitazioni urbane della Grecia.

Le riviste finanziarie e le relazioni tecniche hanno fornito il contesto per la maggior parte della ricerca sulla catena del freddo greca con l’integrazione della Grecia nella CEE alla fine degli anni 1960. Il materiale raccolto da quotidiani, riviste, libri di cucina e libri sull’alimentazione dell’epoca ha permesso di evincere l’atteggiamento dell’epoca sulla refrigerazione. In Grecia la refrigerazione meccanica è arrivata con l’industrializzazione del paese durante il XX secolo e con lo sviluppo di infrastrutture come strade e reti ferroviarie.

Si crearono nuovi posti di lavoro, dando vita alle associazioni di tecnici dedicate alla manutenzione delle macchine refrigeranti. Le altre figure professionali nate all’epoca comprendevano venditori di elettrodomestici che ne promuovevano l’uso. Gli esperti di economia domestica del tempo informavano e consigliavano il consumatore sugli aspetti quotidiani della vita compresi il cibo e l’alimentazione.

Gli apparecchi elettrici non sono stati una transizione facile per tutti. Furono ingaggiati economisti domestici per convincere le casalinghe greche dell’epoca della superiorità degli apparecchi elettrici su quelli a gas. I produttori sponsorizzavano dimostrazioni dell’uso di questi apparecchi. Andando di porta in porta, gli economisti domestici (altre donne) aiutavano i venditori presentando gli apparecchi elettrici alle casalinghe greche. Questo il difficile cammino di affermazione di una tecnologia che oggi non potremmo più pensare esclusa dalla vita quotidiana.