USA: nuove regole per affrontare la riduzione di HFC

Usa. sede EPA

Il 6 ottobre l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente degli Stati Uniti (EPA) ha annunciato le ultime azioni per la riduzione graduale degli idrofluorocarburi (HFC) dannosi per il clima, nell’ambito della legge bipartisan American Innovation and Manufacturing (AIM) Act, sulla base dei progressi compiuti dall’amministrazione Biden-Harris nel realizzare una riduzione iniziale del 10% e nel contribuire a raggiungere una riduzione dell’85% entro il 2036.

La prima nuova azione ├Ę una norma definitiva per accelerare la transizione in corso verso tecnologie pi├╣ efficienti e sicure per il clima nei nuovi sistemi di refrigerazione, riscaldamento e raffreddamento e in altri prodotti, limitando l’uso degli HFC laddove sono gi├á disponibili alternative. La seconda azione ├Ę una proposta di legge per gestire meglio e riutilizzare gli HFC esistenti, anche riducendo le perdite dalle apparecchiature e sostenendo un’industria americana in crescita per il riciclo e la rigenerazione degli HFC. Queste azioni arrivano un anno dopo che il Presidente Biden ha firmato la ratifica da parte degli Stati Uniti dell’Emendamento di Kigali, un accordo internazionale per ridurre gradualmente gli HFC super-inquinanti e contribuire a evitare fino a 0,5 ┬░C di riscaldamento globale entro il 2100.

Nell’ambito dell’AIM Act, l’amministrazione Biden-Harris sta riducendo gradualmente gli HFC per raggiungere una riduzione del 40% a partire dal 2024 e dell’85% entro il 2036. Le azioni odierne sosterranno la riduzione nazionale, anche attraverso un ulteriore risparmio stimato di 4,5 miliardi di dollari per l’industria e i consumatori, sostenendo al contempo posti di lavoro americani ben retribuiti per la produzione della prossima generazione di apparecchiature e di alternative agli HFC.

┬źLe azioni di oggi incarnano la leadership del Presidente Biden sulla crisi climatica, affrontando queste sostanze chimiche che riscaldano il pianeta e investendo nella tecnologia e nell’innovazione americana┬╗ ha dichiarato l’amministratore dell’EPA Michael S. Regan. ┬źQuesta norma finale sostiene la nostra transizione dall’HFC e posiziona la nostra nazione in modo da essere competitiva sulla scena globale, mentre il programma di riduzione delle emissioni e di bonifica proposto ci aiuter├á a garantire il raggiungimento della nostra riduzione nazionale dell’HFC┬╗.

┬źIl Presidente Biden ha portato a termine la ratifica bipartisan del primo trattato ambientale degli ultimi decenni, ponendo gli Stati Uniti all’avanguardia nell’innovazione e nella produzione di alternative agli HFC super-inquinanti┬╗ ha dichiarato Ali Zaidi, consigliere nazionale per il clima della Casa Bianca. ┬źOra stiamo consolidando questi progressi con una nuova azione ambiziosa da parte dell’EPA e una collaborazione continua tra le agenzie federali per combattere gli HFC dannosi per il clima, creando al contempo posti di lavoro ben retribuiti e rafforzando la competitivit├á americana┬╗.

┬źL’annuncio di oggi rappresenta un altro importante passo avanti nella riduzione dell’uso dei refrigeranti super-inquinanti noti come HFC┬╗ ha dichiarato il senatore Tom Carper (D-Del.), presidente della Commissione Ambiente e Lavori Pubblici del Senato. ┬źSappiamo che gli HFC sono migliaia di volte pi├╣ potenti dell’anidride carbonica nell’intrappolare il calore nella nostra atmosfera. Fortunatamente, grazie all’Emendamento di Kigali e alla legge bipartisan AIM, di cui sono orgogliosamente coautore, l’Amministrazione Biden sta riducendo gradualmente gli HFC in un modo che fa avanzare i nostri obiettivi climatici e sostiene i produttori americani – trasformando le avversit├á in opportunit├á┬╗

La norma finale sulle transizioni tecnologiche contribuir├á a guidare la riduzione complessiva accelerando la transizione dagli HFC nelle aree in cui i sostituti sono gi├á disponibili o in fase di introduzione, un punto chiave dell’AIM Act bipartisan. Questa norma finale risponde alle petizioni presentate da aziende, associazioni industriali, gruppi ambientalisti e governi statali nell’ottobre 2021 e nel settembre 2022┬áe limita l’uso di alcuni HFC in oltre 40 tipi di schiume, prodotti aerosol e apparecchiature di refrigerazione, condizionamento e pompe di calore. La norma vieta l’uso degli HFC in determinate apparecchiature e stabilisce un limite al potenziale di riscaldamento globale (GWP) degli HFC che possono essere utilizzati in ciascun sottosettore, con date di conformit├á che vanno dal 2025 al 2028. Questa norma si applica sia ai prodotti importati che a quelli fabbricati in patria, il che contribuir├á a garantire condizioni di parit├á per le aziende americane che stanno gi├á passando alle alternative agli HFC.

Il programma proposto per gestire la riduzione delle emissioni e la rigenerazione degli HFC e dei loro sostituti aiuterebbe a ridurre al minimo le perdite di HFC nel corso della vita delle apparecchiature esistenti, come i condizionatori d’aria e i sistemi di refrigerazione, massimizzando al contempo il riutilizzo degli HFC esistenti – sostenendo un’industria americana in crescita che recupera gli HFC dalle apparecchiature esistenti e li recupera per riutilizzarli, il tutto riducendo le emissioni del ciclo di vita. La norma proposta include requisiti per la riparazione delle apparecchiature che presentano perdite, l’uso di sistemi di rilevamento automatico delle perdite sui grandi impianti di refrigerazione, l’uso di HFC rigenerati per determinate applicazioni, il recupero di HFC dalle bombole prima del loro smaltimento e un sistema di tracciabilit├á dei contenitori.

┬źLe disposizioni sulle transizioni tecnologiche dell’AIM Act sono fondamentali per garantire una transizione ordinata dai refrigeranti a pi├╣ alto GWP a quelli a pi├╣ basso GWP, creando al contempo posti di lavoro americani e proteggendo l’ambiente┬╗ ha dichiarato Stephen Yurek, Presidente e CEO dell’Air-Conditioning, Heating & Refrigeration Institute. ┬źAHRI ha apprezzato l’opportunit├á di partecipare a questo processo normativo e si augura di continuare a lavorare in modo costruttivo con l’EPA per assistere i produttori americani nello sviluppo e nella diffusione di nuove tecnologie di refrigerazione economiche, efficienti e accessibili┬╗.

QUI la lista EPA dei divieti e la loro entrata in vigore. Come si vede, per le pompe di calore e i condizionatori residenziali e light commercial ├Ę in generale ammesso un GWP di 700, il che mantiene in gioco l┬┤R32. Questo limite si applicher├á alla produzione e all’importazione di prodotti autonomi a partire dal 1┬░ gennaio 2025.

Per quanto riguarda la refrigerazione, invece, per il retail il limite ammesso di GWP ├Ę 150┬á ad eccezione di┬áunit├á condensatrici remote e sistemi di supermercati con capacit├á di carica del refrigerante┬ámaggiori o uguali a 90 Kg, dove il limite ├Ę di 300 GWP.