Euroklimat: chiller a propano per basse temperature in applicazioni industriali

Euroklimat
Euroklimat, chiller a propano

In ambito di refrigeranti naturali ammoniaca è sinonimo di refrigerazione industriale. Oggi però il dominio di tale refrigerante per applicazioni industriale non è più così assoluto e nuove soluzioni si affacciano sul mercato. Di seguito una applicazione di Euroklimat che utilizza propano, descritta nel contesto della conferenza internazionale ATMOsphere Europe.

L’applicazione serve una produzione molto particolare: oli essenziali e succhi di agrumi destinati all’industria alimentare, del benessere (ad esempio aromaterapia) e cosmetica. L’Azienda, che si trova in Sicilia, in determinati periodi dell’anno porta avanti la lavorazione di 50 tonnellate di frutta all’ora, suddivisa su 5 linee produttive. Le richieste di freddo da parte della Azienda sono due e ben distinte:

  • per l’estrazione di oli essenziali dagli agrumi sono richiesti 11,3kW di potenza e una temperatura di -32°C. Questo processo non è continuo ma limitato al periodo di disponibilità dei frutti;
  • per la conservazione degli oli estratti sono richiesti 82,7kW di potenza e una temperatura di 5°C;

La soluzione proposta da Euroklimat, azienda italiana con esperienza più che decennale nella costruzione di chiller a propano, prevede un unico chiller a R290 in grado di coprire entrambe le richieste. Alcuni elementi di design permettono alla stessa macchina di rispondere a due fabbisogni cosi diversi:

  • doppie valvole di espansione, ciascuna per la sua specifica operazione, controllate in modo automatico da un microprocessore;
  • controllo della miscibilità dell’olio con il refrigerante tramite separatori appositamente dimensionati per questa applicazione;
  • presenza di un separatore di liquido, per assicurare che non vi sia entrata di liquido nel compressore semi-ermetico alternativo;
  • un ricevitore di liquido, posto dopo il punto di condensazione in modo da bilanciare ogni differenza di carica di refrigerante.

Inoltre, per aumentare l’efficienza e il ciclo di vita del sistema, sono state aggiunte:

  • un sistema automatico per il controllo della temperatura di scarico dei compressori
  • un trattamentoElectrofin per la batteria condensante per prevenire danni dovuti a corrosione;
  • controllo di capacità dei compressori e ventilatori elettronici per aumentare l’efficienza complessiva del sistema.
Gestione della infiammabilità del propano

In questo impianto la sicurezza nella gestione del refrigerante propano è data dalle seguenti caratteristiche impiantistiche:

  • l’impianto è situato all’esterno, in un’area supervisionata, in modo da rispondere alle richieste dello standard EN 378-1:2016;
  • l’impianto è dotato di un gas detector con alimentazione separata. In caso di perdita l’impianto viene immediatamente bloccato;
  • il quadro elettrico è separato dall’impianto e isolato con una doppia barriera
  • il compressore e i componenti sono certificati ATEX.
Refrigeranti a confronto

Per quantificare i benefici dell’utilizzo del propano in termini di efficienza energetica, questo impianto è stato paragonato a una unità funzionante a R449A, anch’essa prodotta da Euroklimat e proposta al cliente come alternativa.  La decisione del cliente a favore dell’unità a propano è stata giustificata dai seguenti parametri:

  • differenza nel carico frigorigeno: 5 Kg di propano contro 10,5 Kg di R449A;
  • differenza di GWP: 3 per il propano, 1280 per R449A;
  • differenza di efficienza energetica, soprattutto per le medie temperature dove l’EER del propano è di 3,02 contro 2,82 per l’R449A.

La maggiore efficienza si traduce in un ritorno di investimento che per questo impianto è stato calcolato di circa 2,7 anni. «Questa applicazione mostra come il propano possa esser utilizzato in applicazioni industriali per rispondere anche a richieste molto diverse tra loro. Considerate, inoltre, le condizioni climatiche in cui la macchina opera, si può affermare che questa applicazione rappresenta una pietra miliare nelle applicazioni della tecnologia a propano per la refrigerazione anche in climi caldi» conclude Giulia Fava di Euroklimat.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here