L’India verso l’eliminazione di CFC e HCFC

Dal 22 al 24 settembre si è tenuta REFCOLD India 2018, la  prima esposizione internazionale e conferenza sulla catena del freddo, refrigerazione industriale e trasporti refrigerati in India. Organizzata dalla Società indiana di ingegneri del riscaldamento, della refrigerazione e del condizionamento dell’aria (ISHRAE) in associazione con NurenbergMesse India, REFCOLD India 2018 è stata una conferenza ricca di energia con workshop tecnici, tavole rotonde e seminari tematici. Nei seminari è stato affrontato anche il tema degli sforzi che l’India sta facendo per diminuire il proprio consumo di HCFC e HFC.

«L’India è il 2° più grande consumatore di HCFC al mondo, dopo la Cina. Ma l’India ha anche accettato di eliminare gradualmente gli HCFC entro il 2030 e di ridurre significativamente l’uso di HFC negli anni a venire» afferma Ayman Eltalounty, coordinatore regionale per Protocollo di Montreal nell’ area Asia dell’ovest . «Le principali sfide includono trovare sostituti commercialmente validi, diritti su alternative e formulazione di una strategia di raffreddamento completa, considerando che ci sono 46 sottosettori dell’economia che usano la refrigerazione. Per un paese come l’India, è essenziale collegare il settore ricerca e sviluppo con il settore della refrigerazione per trovare le migliori alternative possibili». Didier Coulomb, Direttore Generale dell’Istituto Internazionale di Refrigerazione in Francia, ha aggiunto: «Non può esserci una soluzione unica alle sfide nel settore della refrigerazione per quanto riguarda la riduzione dell’impatto ambientale: esaurimento dello strato di ozono, riscaldamento globale e necessità di sicurezza sono tutte da considerare mentre si definiscono alternative appropriate. Il governo indiano è piuttosto attivo a questo riguardo».

Elaborando lo scenario nel paese e il modo in cui il Protocollo di Montreal sta influenzando l’India, Pankaj Dharkar, presidente REFCOLD India, ha dichiarato: «I gas utilizzati per il raffreddamento, come gli CFC nel settore della refrigerazione e del condizionamento dell’aria, hanno danneggiato lo strato di ozono. Gli HCFC non influenzano lo strato di ozono ma contribuiscono al riscaldamento globale. Abbiamo organizzato sessioni speciali dell’UNEP al REFCOLD India 2018 per discutere le alternative praticabili che sono meno dannose per l’ambiente, che siano anche economiche e sicure». E aggiunge: «Mentre le nazioni in via di sviluppo che hanno accettato l’Accordo di Kigali elimineranno CFC e HCFC entro il 2030, l’India cercherà di raggiungere l’obiettivo prima, entro il 2027».

Il settore indiano del freddo è destinato a crescere parecchio nei prossimi anni.  L’industria della catena del freddo in India si sta sviluppando a un ritmo veloce e si prevede che cresca del 19% tra il 2017 e il 2022. Inoltre, la capacità di stoccaggio a temperatura controllata, che attualmente è di 23 tonnellate, sarà aumentata fino a 30 tonnellate all’anno entro il 2022.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here