Refrigeranti: l’importanza del fine-vita

Bildschirmfoto 2014-03-23 um 11.27.09Solo due anni dopo  che Carrier ha stipulato un accordo con EOS Clima Inc. per garantire una gestione responsabile di fine del ciclo di vita dei refrigeranti impiegati, il programma ha permesso di evitare 111.000 tonnellate di emissioni di gas serra, pari a rimuovere 23.000 veicoli passeggeri dalla strada per un anno. “Questo è un risultato significativo che si basa su una lunga storia di innovazione” ha detto John Mandyck, chief officer sostenibilitĂ , UTC Building & Industrial Systems . “Venti anni fa Carrier aperto la strada al phase-out dei refrigeranti con largo anticipo dei requisiti statunitensi e internazionali. Mentre tale decisione ha fissato lo standard per andare avanti, io sono orgoglioso che la societĂ  abbia continuato a guidare verso una soluzione piĂą completa che incorpora la gestione responsabile dei refrigeranti del nostro passato”. Per decenni l’industria ha utilizzato i refrigeranti clorofluorocarburi a causa della loro benefici di efficienza energetica, di sicurezza e di economia. Negli anni 1970 e 1980, gli scienziati hanno cominciato a osservare che i CFC hanno contribuito al depauperamento dello strato di ozono stratosferico della Terra che blocca le radiazioni ultraviolette nocive del sole. Carrier ha introdotto i primi sistemi di climatizzazione commerciali e residenziali che utilizzano refrigeranti non dannosi per l’ozono due anni prima di requisiti normativi statunitensi e 16 anni di anticipo rispetto sviluppare leggi del paese. Attraverso il suo rapporto con la EOS Clima , i refrigeranti CFC usati e i gas serra risultanti vengono distrutti nel rispetto delle norme stabilite dal Climate Action Reserve e il California Air Resources Board.  Ad oggi, i CFC distrutti hanno portato ad un beneficio ambientale pari alle emissioni di CO2  derivate dal consumo elettrico di oltre 15.000 case, aiutando a ripristinare lo strato di ozono e accelerando la transizione verso tecnologie avanzate ed efficienti .”EOS è entusiasta di questa pietra miliare. Ci auguriamo di poter costruire la nostra partnership con Carrier come creiamo soluzioni innovative per la gestione di refrigeranti in tutto il loro ciclo di vita”  ha detto Matt Jones, CEO di EOS . Il programma fa parte di un programma di EOS, ovvero una partnership di aziende leader del settore che lavorano a rivoluzionare la gestione del fine – vita refrigerante . Le organizzazioni hanno l’opportunitĂ  di andare al di lĂ  dei requisiti di conformitĂ  verso la gestione completa del ciclo di vita e dimostrare leadership ambientale e della sostenibilitĂ . Il programma è disponibile per tutti i clienti commerciali Carrier.