EIA – Refrigeranti illegali: l’inattività delle autorità rumene non aiuta il contenimento del crimine

A luglio, la Romania si è rivelata un importante punto di ingresso illegale nell’UE per i refrigeranti HFC nocivi per il clima di fabbricazione cinese, ma più di due mesi dopo sono state intraprese azioni di contrasto pari a zero.

Il rapporto dal titolo “Europe’s Most Chilling Crime – The illegal trade in HFC refrigerant gases” dell’Environmental Investigation Agency (EIA) con sede a Londra pubblicato a luglio riferiva che il crimine ambientale più agghiacciante d’Europa – il commercio illegale di gas refrigeranti HFC  – avviene tramite contrabbando attraverso la Turchia e l’Ucraina, passando anche per la Romania.

Sebbene la portata precisa del commercio illegale di HFC non possa essere stimata con precisione, l’EIA ritiene che essa sia significativa, probabilmente tra il 20-30% del commercio legale.

Con una quota annuale UE consentita di 100,3 milioni di tonnellate di CO2 equivalente (CO2e), si stima che il volume di HFC illegali che entrano nell’UE sia potenzialmente pari a 30 milioni di tonnellate di CO2e nel 2019.

Prima di pubblicare il rapporto, l’EIA ha notificato a tutte le autorità doganali competenti le sue scoperte, inclusi i nomi delle società coinvolte e i contrabbandieri ripresi dalle telecamere mentre discutono dei loro crimini, le rotte comunemente utilizzate e i metodi impiegati per trasportare questi gas pericolosi in tutta Europa, a volte stivati ​​sotto passeggeri e conducenti inconsapevoli nei vani bagagli degli autobus transcontinentali.

Nonostante ciò, le autorità rumene non hanno fornito alcuna indicazione di azioni intraprese, anche se il rapporto è stato trattato dalla stampa del Paese.

Fionnuala Walravens, EIA Senior Climate Campaigner, ha dichiarato: «Nel mezzo di una crisi climatica globale e con il potenziale impatto climatico di questo commercio illegale pari alle emissioni di gas serra di oltre 6,5 milioni di auto guidate per un anno, la mancanza di La risposta delle autorità preposte all’applicazione della legge nell’UE e, soprattutto, in Romania, sa di allarmante compiacenza».

«A seguito dell’ultimo avvertimento del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici ad agosto e di un’estate di terrificanti incidenti meteorologici causati dal cambiamento climatico in tutto il mondo, non ci sono scuse per il non intervento. Abbiamo gli strumenti necessari per affrontare questo crimine – vale a dire, un’applicazione coordinata guidata dall’intelligence, sanzioni più elevate e un migliore monitoraggio degli HFC che entrano e transitano attraverso l’Europa – ma tali misure devono essere messe in pratica per essere del tutto efficaci».

L’UE ha rivisto il regolamento sui gas fluorurati nel 2014 per eliminare gradualmente gli HFC, una famiglia di gas serra sintetici da centinaia a migliaia di volte più potenti della CO2 e comunemente usati nella refrigerazione, condizionamento dell’aria, protezione antincendio, aerosol e schiume. Ma poiché le forniture si riducono e i prezzi aumentano, il commercio criminale è proliferato per soddisfare la domanda.

Lanciato in inglese, il rapporto “Europe’s Most Chilling Crime – The illegal trade in HFC refrigerant gases” è stato ora tradotto in francese, tedesco, italiano, portoghese, rumeno, spagnolo e turco e sarà inviato ai contatti competenti in quei paesi, comprese le forze dell’ordine.

QUI la versione italiana

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here