Finlandia: investimenti consistenti nelle pompe di calore

0
781
Installazioni di pompe di calore in Finlandia. In verde: pompe geotermiche; in rosso: ad aria esausta; in giallo: aria/acqua e in blu: aria/aria (Fonte: SULPU) Cliccare per ingrandire

Secondo le statistiche della Finnish Heat Pump Association (SULPU) nel 2017 sono state vendute in Finlandia 62 000 pompe di calore, ovvero il 3% in più rispetto all’anno precedente. Le pompe di calore ad aria hanno raggiunto le vendite di 47.000 unità, le pompe di calore geotermiche le 8000 unità, le pompe di calore aria-acqua 4000 unità e le pompe di calore ad aria esausta le 3000 unità. Tutte le tipologie di pompe di calore sono aumentate dall’anno precedente, eccetto quelle a geotermia che sono diminuite del 5% ma in compenso sono cresciute in dimensione delel singole installazioni. Questo è il motivo per cui anche le cifre di vendita in euro sono aumentate in questo settore. «L’innovazione delle pompe di calore geotermiche regolate da inverter ha dato anche il proprio contributo all’aumento delle vendite in euro» afferma il direttore esecutivo Jussi Hirvonen della Finnish Heat Pump Association SULPU.

Quando si aggiungono anche le pompe di calore non incluse nelle statistiche SULPU – ad es. per la produzione di teleriscaldamento / raffreddamento, industria, centri commerciali e altri servizi edifici e altre operazioni ausiliarie come pianificazione, consegna, supervisione, manutenzione e altri servizi – l’industria delle pompe di calore ha raggiunto livelli di investimento annuali fino a mezzo miliardo nel 2017.

Oltre il 70% dei nuovi costruttori di case familiari decide di installare una pompa di calore.  Principalmente scelgono pompe geotermiche o ad aria esausta. Sono circa 5 000 le caldaie a petrolio o derivati ormai sostituite dal calore geotermico. Questo tasso di sostituzione è ancora fastidiosamente basso, anche se la redditività di una sostituzione è eccellente per una casa. I gas derivanti dalla combustione del fossile però escono ancora dai camini di 200.000 case. Le pompe di calore ad aria e aria-acqua spesso sostituiscono i sistemi a olio combustibile e quelli a caldaia elettrica, oppure operano al loro fianco. Le pompe di calore ad aria sono installate principalmente per risparmiare energia nelle case riscaldate ad elettricità diretta. È inoltre positivo che una nicchia nel mercato si sia aperta per le pompe di calore aria-aria e aria-acqua, ad esempio, capannoni industriali e edifici di servizio.

Il numero di pompe di calore ad aria esausta negli edifici condominiali sta aumentando rapidamente. Poche centinaia di condomini hanno installato pompe di calore per il recupero dell’aria esausta, il che riduce fino al 50% il consumo del teleriscaldamento o altri consumi energetici di un condominio. Il potenziale di queste soluzioni è davvero considerevole, nella gamma da 3 a 5 TWh / anno. Più di 30.000 condomini rilasciano aria esausta a 20°C a temperature esterne sotto lo zero attraverso la ventilazione. Sempre più condomini hanno deciso una volta per tutte di sostituire il teleriscaldamento con una soluzione basata sulla pompa di calore. Anche i nuovi modelli di business hanno mosso i primi passi nel settore. Il modello di vendita della pompa di calore – o il cosiddetto modello di servizio –  comporta che l’attuale società fornitrice di servizi sia quella che realizza l’investimento della pompa di calore e quindi fornisce l’energia termica per il cliente, oltre al raffreddamento quando desiderato. Al cliente viene fatturata l’energia allo stesso modo con cui gli viene fatturata l’elettricità o il teleriscaldamento. Questo modello di servizio è diventato più comune non solo negli edifici di servizio e nei siti industriali, ma anche in condomini nella forma di calore da aia esausta o calore geotermico. forma di aria di scarico e calore geotermico. Questa è una scelta facile e redditizia per i condomini. Non richiede investimenti, significa semplicemente godere di minori costi energetici.

La redditività degli investimenti nelle pompe di calore è eccellente. Argomenti forti che sono anche a favore delle pompe di calore includono usabilità, facilità, minima necessità di spazio e funzioni di raffreddamento. L’impatto del combustibile risparmiato e dell’elettricità che le pompe di calore hanno avuto sulla bilancia commerciale finlandese è già dell’ordine di cento milioni. L’industria delle pompe di calore offre lavoro ormai a circa 3.000 persone. Inoltre, la riduzione delle emissioni di CO2 in Finlandia è delle dimensioni di una megatonnellata.

Ci sarà abbastanza elettricità in futuro per questo enorme e crescente numero di pompe di calore? «Sì, poiché le pompe di calore riducono la necessità generale di energia elettrica e di generazione elettrica» afferma Jussi Hirvonen. Ciò è stato confermato anche dall’indagine SULPU condotta da Gaia Oy. Le pompe di calore sono installate in case riscaldate da elettricità, olio e teleriscaldamento. «Ogni volta che una casa riscaldata elettricamente ha una pompa di calore a piena potenza installata, due case riscaldate ad olio e teleriscaldamento possono essere riscaldate con la potenza e l’energia che sono state risparmiate. In Finlandia ci sono circa 700.000-800.000 case riscaldate con l’elettricità» continua Jussi Hirvonen.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here