BASE: La servitizzazione aiuta a raffreddare il pianeta

L’Agenzia per l’energia sostenibile BASE, con sede in Svizzera a Basilea, ha recentemente pubblicato un libro bianco completo che racconta l’applicazione del modello di servitizzazione all’industria del raffreddamento attraverso la sua iniziativa Cooling as a Service (CaaS). I partner  di questo lavoro – Aston Business School, Energy Partners Refrigeration, Kaer e The Advanced Services Group Ltd – hanno fornito contributi decisivi al documento.

In risposta all’impennata globale del fabbisogno di refrigerazione, determinata dalla crescita del PIL in tutto il mondo, dall’accesso alle tecnologie e dall’aumento delle temperature causato dai cambiamenti climatici, BASE ha concettualizzato e implementato l’iniziativa CaaS nel 2019, con il sostegno finanziario dell’iniziativa Clean Cooling Collaborative (precedentemente noto come Kigali Cooling Efficiency Program, K-CEP), per sostenere i mercati nell’implementazione di soluzioni di raffreddamento pulite ed energeticamente efficienti in tutto il mondo. Quest’iniziativa ha portato con successo all’adozione dell’innovativo modello di business Cooling as a Service in tutto il mondo e attraverso le industrie e i settori.

Nel white paper, gli autori Carla Della Maggiora, Dimitris Karamitsos e Thomas Motmans, che hanno fondato e co-diretto l’iniziativa CaaS, condividono le idee che hanno acquisito sul campo durante questo lavoro di 3 anni per integrare l’adozione della servitizzazione nell’industria del raffreddamento.

L’industria del raffreddamento costituisce la spina dorsale invisibile della nostra vita quotidiana, sia per conservare cibo e forniture mediche che per ridurre la temperatura dei nostri luoghi di lavoro e delle nostre case, rendendoli confortevoli e, in alcuni casi, abitabili. Sebbene sia una necessità, il continuo ricorso ad attrezzature vecchie o a basso costo, spesso derivante dal fatto che le aziende non considerano tipicamente il raffreddamento un investimento prioritario, si traduce in impatti dannosi sul riscaldamento globale. Per esempio, l’aria condizionata da sola rappresenta il 10% del consumo globale di elettricità, mentre i comuni refrigeranti usati come gli idrofluorocarburi hanno da 200 a 20.000 il potenziale di riscaldamento globale (GWP) dell’anidride carbonica. Inoltre, l’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) prevede che l’uso di energia per il condizionamento degli spazi triplicherà entro il 2050 rispetto ai livelli attuali. Mentre i paesi in via di sviluppo hanno registrato la più rapida crescita della domanda di raffreddamento negli ultimi anni a causa dell’aumento della popolazione, dei livelli di urbanizzazione e dei redditi, essi non hanno ancora accesso a tecnologie di raffreddamento convenienti ed ecologiche. Ponendosi all’incrocio di tre impegni internazionali, l’Accordo di Parigi, l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e l’emendamento di Kigali al Protocollo di Montreal, le implementazioni di raffreddamento sostenibile portano i bisogni delle persone e del pianeta nei quadri operativi delle aziende, altrimenti incentrati sul profitto.

Fin dal suo inizio, CaaS ha dimostrato che saranno necessari modelli commerciali e finanziari innovativi per incentivare gli investimenti in sistemi di raffreddamento puliti ed efficienti dal punto di vista energetico, se vogliamo avere una presa sul cambiamento climatico ora.

Comprendere l’idea di servitizzazione

All’interno di un movimento globale per trasformare i nostri modelli commerciali, industriali ed economici per affrontare la crisi ambientale, il concetto di servitizzazione si rivolge agli obiettivi a lungo termine di aumentare l’accessibilità e la diffusione di prodotti moderni e di alta qualità ad alta efficienza energetica. A differenza del modello di vendita tradizionale, in cui i consumatori acquistano un bene da un’azienda, lo possiedono e lo mantengono fino alla fine del suo ciclo di vita, il modello di servitizzazione mantiene la proprietà del prodotto nelle mani dei fornitori di tecnologia, che pagano per le sue operazioni e la sua manutenzione in cambio di una quota da parte degli utenti finali.

La servitizzazione non è un concetto nuovo di zecca – è stata usata e si è dimostrata efficace in diverse industrie, principalmente la stampa e il fotovoltaico solare che sono stati anche pionieri nel portare il modello pay-per-use al grande pubblico. La fusione di questo modello con la tecnologia dell’Internet of Things ha permesso agli utenti di avere stampanti che ordinano le loro cartucce quando si avvicinano a bassi livelli di inchiostro e inviano avvisi in tempo reale quando si verificano guasti al sistema, richiedendo automaticamente l’invio di un tecnico. Nell’industria solare, sfumature del modello di servitizzazione sono state viste negli accordi di acquisto di energia (PPA). In un PPA, i venditori di elettricità mantengono la proprietà dei pannelli installati sul tetto dell’utente, che paga l’elettricità usata dall’attrezzatura, permettendogli di iniziare a beneficiare dell’energia solare senza costi iniziali.

Come suggerito dai due esempi, il modello di servitizzazione offre una miriade di vantaggi per i clienti, in particolare:

  • risparmiando loro l’investimento iniziale per l’installazione dell’attrezzatura,
  • minimizzando i rischi operativi e tecnologici
  • riducendo i costi complessivi di utilità.

Inoltre, lasciando la responsabilità della manutenzione delle apparecchiature, comprese le riparazioni e l’aggiornamento alle nuove normative, ai fornitori di tecnologia, gli utenti finali possono prestare un’attenzione indivisa al loro core business, mentre contribuiscono ai loro obiettivi climatici utilizzando la servitizzazione per apparecchi ad alta efficienza energetica.

Dal lato dei fornitori di tecnologia, la servitizzazione migliora significativamente il valore percepito del loro prodotto da parte dei clienti, poiché aumenta i loro benefici mentre riduce i costi iniziali. Al di là della maggiore differenziazione dalla concorrenza, questo processo aumenta notevolmente i guadagni del ciclo di vita per sistema, utilizzandolo al massimo della sua capacità e, soprattutto, crea flussi di entrate prevedibili e continui.

I fornitori possono superare i rischi posti dalla fluttuazione dei consumi creando un portafoglio diversificato di clienti e settori. Inoltre, il monitoraggio dei dati tramite IoT è vitale per misurare accuratamente le esigenze dei clienti e adattare l’offerta di conseguenza. Il modello crea incentivi per il fornitore per progettare beni con una maggiore durata e per estendere la vita del prodotto attraverso la riparazione e la rifabbricazione, per massimizzare il recupero del valore a fine vita, e per ottimizzare l’efficienza delle risorse attraverso l’intero ciclo di vita del prodotto attraverso sistemi modulari che consentono la riproposizione delle apparecchiature per stare al passo con le mutevoli esigenze degli utenti finali; il tutto contribuendo alla transizione verso un’economia circolare.

Cos’è il raffreddamento come servizio?

Dal momento che la crescente domanda di raffreddamento porterà potenzialmente a una rapida escalation del consumo energetico associato, l’applicazione della servitizzazione in questo settore è diventata sempre più urgente per fornire alle imprese e agli utenti finali forti incentivi per passare a tecnologie efficienti dal punto di vista energetico e superare le barriere di adozione. Infatti, il miglioramento dell’efficienza energetica dei sistemi di raffreddamento rappresenta un mercato potenziale cumulativo che attualmente vale 135 miliardi di dollari all’anno e che dovrebbe crescere fino a 170 miliardi di dollari all’anno entro il 2030 (Economist Intelligence Unit, “The Cooling Imperative”, 2019).

Ma una tale opportunità non è priva di sfide: apparecchiature di qualità superiore richiedono generalmente un investimento iniziale più elevato, e i clienti non sempre vedono i risparmi sui costi che si materializzano nel corso degli anni; una tecnologia nuova e poco familiare solleva preoccupazioni su ipotetici costi nascosti e dubbi sui risparmi promessi; gli investitori spesso danno priorità a progetti redditizi a breve termine e già noti.

Per superare queste sfide che riguardano i miglioramenti dell’efficienza energetica, l’iniziativa CaaS è stata lanciata nel 2019 su quattro pilastri per adattare il modello all’industria del raffreddamento:

  • Un toolkit open-source che comprende un contratto standardizzato, un modello di prezzi e contenuti informativi.
  • Casi di studio, progetti pilota e un programma di incubazione che supporta cinque aziende di Argentina, Costa Rica, Grenada, India e Nigeria (che vanno dalle grandi applicazioni industriali alle celle frigorifere decentrate e ai frigoriferi & congelatori).
  • Una campagna di diffusione che include eventi di matchmaking, webinar, interviste, podcast e video ma anche articoli per sensibilizzare utenti, finanziatori e partner di implementazione.
  • Il lancio della CaaS Alliance, progettato per promuovere la fiducia all’interno del mercato e dei diversi stakeholder e aiutare a portare lo slancio per aumentare l’implementazione del modello.

Sperimentato in diversi paesi dell’Africa, del Sud America e dell’Asia, il modello si è dimostrato efficace nell’alleviare questi problemi. La CaaS Alliance ha ora più di 70 membri attivi, che integrano il modello Cooling as a Service nelle loro operazioni.

CaaS è stato evidenziato come un veicolo praticabile per i finanziatori (investitori, banche e fondi) per investire in attività che generano flussi di cassa ricorrenti ben previsti, altamente sinergici con i portafogli di edifici e costruzioni sostenibili. Su questa linea, Mike Peo, responsabile delle infrastrutture presso l’energia e le telecomunicazioni di NedBank CIB, osserva: «Il Cooling as a Service è un’opportunità molto attraente che dà a banche come NedBank l’opportunità di investire in progetti verdi e soddisfare i loro obiettivi ESG e SDG».

Un modello recente ma fruttuoso

Se il passaggio da un modo di pensare ai prodotti “make to sell” a un modo “make to serve” può essere impegnativo per le aziende, la CaaS Initiative fornisce un supporto attraverso le diverse fasi della transizione. Molti casi di studio forniscono ora una panoramica delle storie di successo dei pionieri del Cooling as a Service: spaziando dall’aria condizionata alla conservazione del freddo per l’agricoltura, aziende come ColdHubs e KoolBox in Nigeria, Energy Partners in Sud Africa, Kaer a Singapore, MGM Innova Group in Colombia, SokoFresh in Kenya o Oorja e CoolCrop in India si affidano ora all’approccio pay-per-use. Mentre ogni caso ha richiesto alterazioni specifiche del contesto del modello CaaS, coinvolgendo cambiamenti strutturali, trasformazioni operative, formazione dei dipendenti e istruzione degli utenti, le aziende sopra elencate stanno ora raccogliendo i benefici di questi sforzi. Hanno sperimentato un aumento della soddisfazione dei clienti e delle relazioni, che ha portato a una maggiore domanda per le ultime tecnologie.

Almeno altre 18 aziende sono sulla strada per integrare il modello nelle loro operazioni, cinque delle quali hanno partecipato al programma Incubatore di CaaS nel 2020 (tra cui Grupo Clima in Costa Rica, Coolcrop in India, BGH in Argentina, CoolingTech in Grenada e KoolBoks in Nigeria). Altri 13 fanno parte della CaaS Alliance. Molti di loro hanno condiviso le loro esperienze al Global CaaS E-Summit, che è disponibile sul sito www.caas-initiative.org.

Ma al centro di tutto questo ecosistema ci sono le popolazioni locali per le quali il cooling as a service ha criticamente migliorato le entrate e la sicurezza alimentare in alcune applicazioni. Come dice Nuhu Sa’eed, un cliente di ColdHubs in Nigeria: «Prima avevamo un sacco di perdite perché i prodotti si guastavano. Perdevamo un sacco di soldi; ora perdiamo solo il 5 o 10%».

In alcune regioni, a causa delle alte temperature, dell’elevata umidità e della mancanza di accessibilità ai magazzini frigoriferi, le colture raccolte con grande fatica e risorse vengono tipicamente perse (fino al 70% a volte) ancor prima di avere la possibilità di raggiungere i mercati. In Nigeria, Coldhubs permette ai piccoli agricoltori di ridurre la perdita di cibo al di sotto del 10%. L’alimentazione dei sistemi con energia solare e refrigeranti naturali con un GWP vicino allo zero rende questa situazione sostenibile e praticabile a lungo termine.

Ottenere un riconoscimento mondiale

Il modello è stato sempre più citato da rinomate pubblicazioni e articoli internazionali, tra cui l’Economist Intelligence Unit, Sustainable Energy for All e il World Economic Forum. È stato distinto in diverse occasioni da premi prestigiosi, come il Keeling Curve Prize. Nel 2019, è stata selezionata come una delle soluzioni climatiche più innovative, azionabili e scalabili dal Global Innovation Lab for Climate Finance. Nel 2021, l’iniziativa è stata certificata come una tra le “1000 soluzioni per cambiare il mondo” dalla Fondazione Solar Impulse.

Per saperne di più, trovate il libro bianco completo QUI.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here