India: una mappa interattiva per identificare la posizione delle celle frigorifere

Credits: BASE

Quando si parla di efficientamento della catena del freddo non si tratta solo di offrire le giuste soluzioni impiantistiche ma anche di mettere a disposizioni sistemi che siano in grado di ottimizzare il lavoro lungo tutta la filiera e permettano il migliore utilizzo possibile delle strutture disponibili. In quest’ottica si pone un progetto sviluppato da BASE – Basel Agency for Sustainable Energy – ed Empa – Swiss Federal Laboratories for Material Science and Technologies –  in India dal nome Your Virtual Cold Chain Assistant.

L’entroterra dell’India ospita quasi i due terzi della popolazione della Nazione, di cui il 70% dipende dall’agricoltura per il proprio sostentamento. La grande maggioranza di questi agricoltori opera su meno di due ettari di terreno, il che rende fondamentale per loro massimizzare la vendita dei loro prodotti per il sostentamento. Tuttavia, la realtà è ben lontana dall’essere ideale: a livello nazionale, gli agricoltori perdono introiti dal deterioramento post-raccolta di circa il 20-30% della loro produzione.

Il progetto Your Virtual Cold Chain Assistant (Your VCCA) mira a ridurre queste perdite di cibo ampliando l’accesso ai servizi di raffreddamento pay-per-use e grazie allo sviluppo di un’app che digitalizza la gestione dell’inventario e fornisce servizi pre- e post-raccolta e informazioni di mercato per una corretta gestione, conservazione e protezione delle colture. Utilizzando dati agricoli open source ampiamente disponibili da diversi domini, i team di BASE ed Empa hanno sviluppato una mappa interattiva multistrato dell’India.

La mappa web interattiva sviluppata come applicazione Google Earth Engine offre una sintesi delle informazioni disponibili relative alla catena di approvvigionamento dei prodotti freschi dell’India. Su questa mappa vengono rappresentati tutti i dati pertinenti alla supply chain: terreni coltivati, l’altitudine, le linee di rete elettriche disponibili e previste, la produzione agricola di frutta e verdura, la temperatura, la radiazione solare, le strade di accesso, la disponibilità dei mercati, la disponibilità di celle frigorifere. le famiglie impegnate nell’agricoltura, la distribuzione delle organizzazioni di produttori di agricoltori e la copertura della banda mobile. Questa rappresentazione funge da strumento decisionale per le parti interessate del settore pubblico e privato nella catena di approvvigionamento dei prodotti freschi, comprese le imprese sociali come le organizzazioni di produttori agricoli e i responsabili politici, nonché le istituzioni finanziarie, i fornitori di tecnologie per il freddo, le ONG e gli enti governativi.

Come si può usare questa mappa? Ad esempio, per decidere la collocazione migliore di nuovi impianti per la conservazione degli alimenti, come celle frigorifere o per altre decisioni di tutti gli attori lungo la filiera della produzione alimentare. «Abbiamo creato uno strumento open source e accessibile a chiunque per confrontare dinamicamente più sedi in tutta l’India» afferma Roberta Evangelista, Sustainability Data Science and Digitalization Specialist presso BASE. «Il nostro obiettivo è consentire ai fornitori della catena del freddo di prendere le decisioni migliori per la loro attività e per gli agricoltori che stanno servendo».

«La nostra missione è in linea con gli obiettivi dell’SDG 2 ed è quella di migliorare il reddito dei piccoli agricoltori di tutto il mondo con i vantaggi e le opportunità che offre il raffreddamento. Riteniamo che lo strumento open source che abbiamo sviluppato sia un passo fondamentale in quella direzione, consentendo, ad esempio, ai fornitori di servizi di raffreddamento di sbloccare informazioni geospaziali quando cercano di ampliare la loro offerta di punti di raffreddamento» afferma Joaquin Gajardo, Data Scientist e Software Developer presso il gruppo SimBioSys di Empa

Un esempio pratico di ciò è poter identificare dove il raffreddamento potrebbe fornire i maggiori guadagni in termini di durata di conservazione e dove collocare futuri impianti di conservazione a freddo. Le celle frigorifere possono aggiungere valore ai prodotti agricoli. Tuttavia, queste celle frigorifere possono portare adeguati vantaggi agli agricoltori solo quando sono posizionate in modo conveniente e soddisfano tutti i criteri per proteggere le colture. Le decisioni su dove posizionare una cella frigorifera dipendono da diversi fattori. L’identificazione di posizioni promettenti delle unità di raffreddamento richiede una guida esperta e un know-how tecnico, cosa che, a causa del fatto che l’industria del freddo in India non è ancora molto sviluppata, può essere difficile da trovare.

La mappa semplifica questo processo per gli operatori di celle frigorifere calcolando le posizioni ideali a un raggio dai mercati di massimo 20 km, a una distanza massima di 500 m dalla strada, con una copertura di rete stabile e altre considerazioni a livello di stato. Questo è il primo passo verso un’applicazione in cui gli utenti sono in grado di calcolare posizioni promettenti in celle frigorifere decidendo dinamicamente quali livelli includere e le relative soglie. Inoltre, le celle frigorifere possono aumentare il numero di giorni che gli agricoltori impiegano per assicurarsi vendite redditizie per i loro prodotti invece di liquidare i raccolti a tassi bassi prima che vadano a male. La mappa rappresenta anche l’aumento della durata di conservazione di colture selezionate in tutta l’India. Questi calcoli offrono agli agricoltori e agli operatori di celle frigorifere informazioni critiche sul vantaggio aggiuntivo dell’utilizzo (rispettivamente, dell’offerta) di celle frigorifere con una metrica praticabile: il numero di giorni di durata di conservazione guadagnati conservando frutta e verdura in una cella frigorifera rispetto a temperatura ambiente. I dati di questa mappa saranno integrati dalla app Your VCCA di facile utilizzo per aiutare gli operatori delle celle frigorifere a effettuare il check-in e il check-out digitale delle casse portate dagli agricoltori, indicare il numero di giorni di durata di conservazione rimanenti e fornire soluzioni di mercato. Il rilascio della prima versione della app è previsto per la primavera del 2022.

Maggiori informazioni QUI