Oak Ridge National Laboratory: raffreddare i vaccini per il COVID

I ricercatori dell’ORNL hanno dimostrato che i vaccini COVID-19 possono essere mantenuti al fresco per un periodo prolungato in un container commerciale adattato, fornendo una risorsa per la consegna sicura in località remote. Credits: ORNL, Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti

I ricercatori dell’Oak Ridge National Laboratory (ORNL) hanno adattato un container per la refrigerazione commerciale in modo da poterlo usare per garantire che i vaccini COVID-19 rimangano a temperature estremamente basse durante il lungo trasporto e durante la conservazione locale.

La maggior parte dei vaccini COVID, a seconda del produttore, viene conservata a -70 o -30 gradi Celsius. Gli attuali metodi di trasporto utilizzano il ghiaccio secco per mantenere le temperature desiderate. Tuttavia, tempi di viaggio lunghi, in particolare verso località remote senza infrastrutture di supporto, richiedono una refrigerazione estesa.

In uno studio, i ricercatori hanno collaborato con Carrier e creato un banco di prova utilizzando un container in alluminio leggero dotato di un sistema di refrigerazione, pacchetti di vaccini e una disposizione ottimale del carico e un design del rack di stoccaggio che mantenesse le temperature costanti e uniformi in tutto il contenitore. Studi di simulazione hanno dimostrato che questo metodo può mantenere le temperature richieste il doppio del tempo.

«Abbiamo notevolmente aumentato la durata del ghiaccio secco, fornendo un controllo affidabile della temperatura e una soluzione sicura per il raffreddamento dei vaccini per il trasporto e lo stoccaggio dell’ultimo miglio»  ha affermato Jian Sun di ORNL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here