Federdistribuzione e Assocold: insieme per accelerare la transizione ecologica nella refrigerazione commerciale

Nei prossimi anni il principale trend tecnologico e di sviluppo economico sarà l’impatto ambientale delle attività economiche, dei prodotti e dei sistemi. Il Green Deal europeo, con il suo imponente programma di ripresa economica e fondi stanziati per interventi nei settori dell’energia, dell’industria, dei trasporti e dell’agricoltura, sostiene l’obiettivo ambizioso dell’Europa di diventare il primo continente climaticamente neutro entro il 2050.

In questo contesto si inserisce il Protocollo d’intesa tra Federdistribuzione, che rappresenta le aziende della Distribuzione Moderna alimentare e non alimentare, e Assocold, l’Associazione Costruttori Tecnologie per il Freddo, federata Anima Confindustria, che rappresenta il mondo della refrigerazione industriale e commerciale, entrambe da sempre impegnate nella promozione dello sviluppo sostenibile, ambientale, economico e sociale.

La refrigerazione commerciale è attualmente uno dei settori in Italia maggiormente impattanti per quanto riguarda l’emissione di gas serra. Nonostante i moderni sistemi di refrigerazione utilizzino refrigeranti naturali che non provocano effetto serra e tecnologie efficienti, sono ancora molto diffusi sul territorio installazioni datate, che necessitano di essere sostituite per ridurre le emissioni.

Federdistribuzione e Assocold hanno deciso di intraprendere insieme un percorso che promuova la trasformazione e riconversione industriale nel campo della refrigerazione presso le imprese della distribuzione alimentare, in chiave di sostenibilità e digitalizzazione, per accelerare verso il negozio climaticamente neutro del futuro.

«L’accordo – dichiara Francesco Mastrapasqua, presidente di Assocold – ha lo scopo di accelerare la transizione ecologica nella Distribuzione Moderna, contribuendo all’implementazione di un nuovo modello di realizzazione di punto vendita climaticamente neutro. Per noi sarà fondamentale promuovere un più ampio accesso dei retailer alle più moderne ed efficienti tecnologie di refrigerazione naturale ed alle agevolazioni previste nel Piano Transizione 4.0 per i sistemi digitalmente interconnessi che permettono il dialogo e la condivisione di informazioni al fine di ottimizzare l’installazione in termini di produttività, efficienza, miglioramento della qualità, riduzione di sprechi alimentari e di consumi energetici».

Attualmente i refrigeranti ad alto impatto serra sono stati vietati in tutte le nuove apparecchiature dal 1° gennaio 2020, ma vengono tuttora utilizzati per la manutenzione degli impianti esistenti. L’Europa chiede di ridurre dell’80% il consumo di queste sostanze entro il 2030 e mette a disposizione i fondi legati al Next Generation EU e in Italia al Recovery Fund (PNRR), che possono e debbono essere utilizzati per intervenire con un programma strutturale di riconversione (retrofit) degli impianti di refrigerazione commerciale più desueti ed impattanti, con impianti dotati di moderne tecnologie a refrigerante naturale (CO2 e propano) e migliorata efficienza energetica.

«Federdistribuzione e Assocold – afferma Alberto Frausin, presidente di Federdistribuzione – vedono nel PNRR un’opportunità fondamentale e irripetibile per accelerare questo processo di riconversione, che potrebbe portare a un consistente abbattimento delle emissioni serra, fino a 10 milioni di tonnellate equivalenti di CO2. Il settore della Distribuzione Moderna intende dare un segnale importante in tal senso e svolgere un ruolo da protagonista sulle iniziative di decarbonizzazione e di economia circolare».

Le due organizzazioni firmatarie della presente intesa collaboreranno in ambito istituzionale ed attraverso appositi tavoli tecnici per lo sviluppo della transizione nella refrigerazione commerciale, facendosi promotrici di interventi normativi, eventi di divulgazione delle informazioni e di formazione specifica per le imprese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here