CAREL ADOTTA LE DISCONNECTION GUIDELINES

Carlo Vanin, Chief HR & Organization Officer di Carel

Carel, da sempre attenta al benessere dei propri dipendenti, introduce ufficialmente le disconnection guidelines al fine di migliorare la qualità del lavoro e assicurare un miglior work life balance ai lavoratori del Gruppo. Le linee guida sono state realizzate per incoraggiare un sano equilibrio tra lavoro e tempo personale e per promuovere l’efficienza e l’efficacia nella collaborazione con i colleghi, evitando l’approccio “always on” e le regole “personalizzate” a seconda del dipartimento di appartenenza.

Le regole per la disconnessione

Le linee guida prevedono limitazioni degli orari durante i quali è possibile inviare email ai colleghi, così da evitare che esse vengano inviate fuori dall’orario lavorativo. In particolare, le email non potranno più essere inviate tra le 18:00 e le 8:00. In questi orari sarà inoltre d’obbligo limitare l’uso di chat e messaggistica istantanea, se non per necessità dovute ai diversi fusi orari dei colleghi stranieri.

Durante ferie e permessi sarà inoltre proibito telefonare o scrivere ai colleghi richiedendo lavoro immediato e, in generale, non si potrà chiedere lavoro durante le feste o i weekend. Inoltre, le linee guida prevedono alcuni consigli per ottimizzare il proprio tempo lavorativo e, in particolare, quello dedicato alle riunioni, alle quali non si potranno dedicare più di 5 ore al giorno. Vengono anche introdotte delle fasce orarie in cui si consiglia di svolgere i meeting, che vanno dalle 9:30 alle 12:00 e dalle 14:30 alle 17:00.  Cambia anche la durata standard delle riunioni: non più 30 e 60 minuti, ma 25 o 50, in modo tale da permettere sempre una pausa tra un incontro e l’altro.

In aggiunta, al fine di evitare di utilizzare il tempo di troppe persone quando non necessario, Carel consiglia di selezionare attentamente i partecipanti alle riunioni, ovvero coloro per i quali è previsto un contributo o potere decisionale sul tema in oggetto. Al fine di ottimizzare i tempi, l’oggetto della riunione dovrà essere condiviso prima con i partecipanti, insieme alla tipologia di riunione (informativa, consultiva, decisionale), l’ordine del giorno e, nel caso in cui vi fossero, le decisioni da prendere.

Infine, maggior attenzione per chi volesse prendersi un po’ di tempo da dedicare al lavoro individuale e non volesse esser disturbato: in questi casi basterà infatti segnarsi come “non disponibile” sul calendario.

«Crediamo fortemente che il tempo delle nostre persone sia la risorsa più preziosa che possediamo all’interno della nostra azienda e, in quanto tale, va tutelato nel miglior modo possibile. Motivo per cui confidiamo che queste semplici disconnection guidelines consentano ai nostri colleghi e collaboratori di aumentare la qualità del proprio work life balance e che, nel complesso, migliorino non solo le performance sul lavoro, ma soprattutto la loro salute fisica e mentale» ha commentato Carlo Vanin, Chief HR & Organization Officer di Carel.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here