Migliorare l’efficienza per mezzo del sottoraffreddamento

ADV CHEMOURSÈ essenziale perorare la causa dei refrigeranti a basso GWP, se essi sono destinati a un’adozione più ampia da parte dei rivenditori al dettaglio che tentano di soddisfare gli obiettivi ambientali.

La tendenza, sempre in aumento, delle consegne a domicilio della spesa e della modalità di acquisto Click-and-Collect ha causato una domanda più elevata di celle frigorifere presso i negozi. Le aziende stanno esplorando i modi in cui raggiungere gli obiettivi di sostenibilità insieme all’efficienza operativa, essenziale per la conservazione dei cibi.

L’uso dei refrigeranti a basso GWP si sta diffondendo ampiamente. Tuttavia, gli studi condotti di recente* hanno dimostrato che le emissioni totali degli impianti di refrigerazione dei supermercati sono molto più influenzate dall’efficienza energetica dei sistemi, piuttosto che dalle emissioni dei refrigeranti.

Fino ad ora, il costo percepito della spesa in conto capitale per migliorare le funzionalità di risparmio energetico hanno spesso comportato il posticipo della loro realizzazione; tuttavia, l’impegno dei governi per ridurre le emissioni di carbonio, sta spingendo i retailers a prendere in esame tutte le opzioni disponibili.

Di conseguenza, Chemours ha commissionato lo svolgimento di uno studio sull’uso delle miscele a basso GWP in varie soluzioni di sottoraffreddamento dei refrigeranti adatti agli impianti di refrigerazione commerciali.

Le condizioni per il successo
Lo studio ha analizzato due punti vendita dagli ambienti climatici differenti e preso in esame 3 scenari di applicazione: celle frigorifere, refrigerazione aree vendita e centri di distribuzione. Si sono quindi usate queste configurazioni per mettere a confronto 6 differenti tecnologie di refrigerazione in cui si faceva uso di R-744 (CO2) o R-454C (Opteon™ XL20).

I risultati dettagliati dello studio saranno resi noti a settembre; tuttavia, è stato confermato che i risparmi energetici e i costi del ciclo di vita (LCC) correlati all’uso dei refrigeranti a basso GWP combinati con un design intelligente dei sistemi, possono essere più che sufficienti perchè le aziende ne prendano seriamente in considerazione l’adozione.

Un’anteprima dei risultati e l’infografica è disponibile qui per il download.

*(Wave refrigeration 2019, 2020)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here