GDO, Stef sceglie la soluzione green di TurboAlgor con refrigeratori che abbattono i consumi

Il sistema TurboAlgor

La crescita della popolazione e dei consumi elettrici pongono una grande sfida a tutti i grandi player che lavorano nel comparto della catena del freddo: la necessità di investire in energie più pulite. Una sfida che STEF Italia, specialista nel trasporto e della logistica agroalimentare a temperatura controllata, affronta già da tempo. Anche in Italia, sono tante le iniziative che il Gruppo ha realizzato negli anni sul fronte della sostenibilità ambientale: dall’installazione di pannelli fotovoltaici e di luci a led nei magazzini, alla riduzione della plastica, fino all’evoluzione del parco automezzi, propri e in subappalto, con l’introduzione di mezzi sostenibili (Euro 6 di ultima generazione, elettrici, GNL). Senza citare l’avvio di un progetto pilota per la distribuzione con un mezzo 100% elettrico nell’area urbana di Firenze:

«Così come in altri settori industriali e nella nostra vita di tutti i giorni, anche nel nostro settore è aumentata molto la sensibilità verso questi temi. Riteniamo che la performance ambientale, essendo parte integrante di quella dei nostri clienti, debba essere sempre più oggetto di programmi di misurazione e miglioramento, ponendo attenzione a ciò che la tecnologia mette a disposizione per sostenere le evoluzioni che il nostro settore sta avendo, come ad esempio l’esplosione della Home delivery», dichiara Matteo BruzzanoEnergy Manager di STEF Italia.

È questa attenzione alla sostenibilità ambientale che ha posto le fondamenta per la nascita

Mauro Margherita, CEO TurboAlgor

della partnership con TurboAlgor, la startup guidata da Mauro Margherita, spin off del Gruppo Angelantoni, che ha lanciato sul mercato una soluzione innovativa nel settore della refrigerazione. Mutuando la tecnologia del turbo dell’automotive e inserendola all’interno degli impianti frigoriferi, TurboAlgor garantisce l’efficientamento dell’impianto attraverso l’incremento della potenza frigorifera e la riduzione dei consumi elettrici.

«Siamo davvero onorati di essere al servizio di una realtà come STEF e di poter contribuire con Turboalgor ad affrontare una delle grandi sfide del futuro: la riduzione dei consumi di energia elettrica in un settore nevralgico, come quello del freddo», spiega Mauro Margherita, Ceo di TurboAlgor.

 

Un team a trazione femminile e round per 8 milioni di euro

Recuperare una parte dell’energia che viene persa nella valvola di laminazione, quando il liquido passa da un’alta a una bassa pressione per comprimere a costo energetico zero una parte del refrigerante risparmiando cosi lavoro al compressore principale: così TurboAlgor fa efficienza energetica

Tra le 10 finaliste della tappa italiana dello Startup World Cup 2020, Turboalgor può contare su un brevetto internazionale, un team di 11 persone, di cui 5 donne, e clienti come Cesare Fiorucci S.p.A, Di Battista Food e, per l’appunto, STEF Italia:

«La nostra tecnologia consente di recuperare una parte dell’energia che viene persa nella valvola di laminazione, quando il liquido passa da un’alta a una bassa pressione» continua Mauro Margherita.

Una tecnologia green che, per i risparmi energetici garantiti in bolletta, ha attirato investitori pubblici e privati. Fino a oggi la startup perugina, spin off del Gruppo Angelantoni Industrie, ha raccolto 8 milioni di euro di finanziamento (a scommetterci anche Banca Intesa).

I risultati sono un incremento della potenza frigorifera fino al 56% e una riduzione dei consumi elettrici fino al 23%. Questo aspetto green ha attirato l’attenzione di investitori e clienti della startup, poiché il settore del freddo è responsabile di circa il 20% dei consumi energetici mondiali.

La tecnologia è estremamente flessibile: industria farmaceutica, chimica, alimentare, tutto il settore della logistica e del trasporto del refrigerato, la grande distribuzione, sono tantissimi i settori di mercato in cui può trovare spazi:

«Siamo venuti a conoscenza della tecnologia che TurboAlgor propone, attraverso l’evento It’s All Energy Efficiency 2018. Abbiamo ottenuto un saving energetico tra il 5 e il 10% su un’installazione frigo relativa a una cella negativa, di dimensioni MQ/MC importanti. Oltre al saving economico la riduzione dei consumi è in linea con i nostri progetti di sostenibilità» dichiara Stefano Dallagrossa, Responsabile Tecnico Immobiliare di STEF Italia.

Volete avere più dettagli sul funzionamento di TurboAlgor? Seguite il seminario che si terrà online il 21 aprile

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here