Azione urgente necessaria per la transizione energetica nel riscaldamento e nel raffreddamento

La transizione verso soluzioni di riscaldamento e raffreddamento più pulite e sostenibili può attrarre investimenti, creare milioni di nuovi posti di lavoro e contribuire a guidare una ripresa economica duratura sulla scia della crisi globale COVID-19. È quanto afferma un nuovo studio condotto da importanti organizzazioni che si occupano di transizione energetica.

Il rapporto congiunto dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA), dell’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) e di Renewable Energy Network for the 21st Century (REN21), evidenzia i vantaggi, identifica le barriere agli investimenti e le politiche per favorire una più rapida diffusione di riscaldamento e raffreddamento rinnovabili in tutto il mondo. Il rapporto dal titolo “ Renewable Energy Policies in a Time of Transition: Heating and Cooling“ descrive cinque possibili percorsi di trasformazione, che comprendono l’elettrificazione basata sulle energie rinnovabili, i gas rinnovabili, la biomassa sostenibile e gli usi diretti del solare termico e del calore geotermico.

«Il riscaldamento e il raffreddamento efficienti dal punto di vista energetico basati su fonti rinnovabili è emerso come una priorità urgente per i paesi che si sforzano di rispettare gli impegni sul clima ai sensi dell’accordo di Parigi e di costruire economie resilienti e sostenibili» ha affermato il Direttore generale di IRENA, Francesco La Camera.

«La transizione verso soluzioni di riscaldamento e raffreddamento più pulite, più efficienti e sostenibili può attrarre investimenti, creare milioni di nuovi posti di lavoro e contribuire a guidare una ripresa economica duratura sulla scia della crisi globale COVID-19. Metterà a disposizione di tutti i servizi di riscaldamento e raffreddamento tanto necessari, comprese le isole remote e i paesi meno sviluppati dell’Africa e dell’Asia».

La domanda di riscaldamento e raffreddamento rappresenta circa la metà del consumo energetico finale globale, principalmente per i processi industriali, seguiti dalle applicazioni residenziali e agricole. La maggior parte di questa energia ora proviene da combustibili fossili o da usi inefficienti e non sostenibili della biomassa. Il riscaldamento e il raffreddamento, di conseguenza, sono una delle principali fonti di inquinamento atmosferico e rappresentano oltre il 40% delle emissioni globali di anidride carbonica (CO2) legate all’energia. Allo stesso tempo, circa 2,8 miliardi di persone attualmente dipendono da legna, carbone di legna, escrementi di animali e altri combustibili inefficienti e inquinanti per cucinare.

La domanda di riscaldamento e raffreddamento è destinata a continuare a crescere. La domanda di raffreddamento è già triplicata a livello globale dal 1990 e, poiché il cambiamento climatico aumenta il numero e la gravità delle ondate di calore, aumenta anche l’urgenza di fornire aria condizionata e refrigerazione a miliardi di persone.

Finora i responsabili politici hanno prestato un’attenzione limitata alla transizione al riscaldamento e al raffreddamento. Alla fine del 2019, solo 49 paesi, per lo più all’interno dell’Unione europea, avevano obiettivi nazionali per il riscaldamento e il raffreddamento da fonti rinnovabili, in contrasto con 166 che avevano obiettivi per la generazione di energia rinnovabile. Per decarbonizzare l’energia utilizzata per il riscaldamento e il raffreddamento, pacchetti politici aggressivi e completi che eliminano gradualmente l’uso di combustibili fossili e danno priorità alle energie rinnovabili e all’efficienza sono ancora più urgenti in mezzo alla pandemia COVID-19, che ha ridotto la domanda di riscaldamento e servizi di raffreddamento, comprese le famiglie e le piccole imprese. La crisi sanitaria ed economica ha anche peggiorato le condizioni per l’accesso all’energia in molti paesi in via di sviluppo.

La transizione verso le fonti rinnovabili contribuirà ad aumentare l’accesso a servizi di riscaldamento e raffreddamento puliti, economici e affidabili, anche su isole remote e in alcuni dei paesi meno sviluppati dell’Africa e dell’Asia. Allo stesso tempo, il riscaldamento e il raffreddamento rinnovabili possono creare nuovi posti di lavoro, stimolare le economie locali e migliorare le condizioni di vita delle persone, rafforzando nel contempo la sicurezza energetica e l’indipendenza dei paesi, si afferma nel rapporto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here