WMO: le emissioni di anidride carbonica sono a livelli record, nonostante il blocco del COVID-19

Il rallentamento industriale dovuto alla pandemia COVID-19 non ha frenato i livelli record di gas serra che intrappolano il calore nell’atmosfera, aumentando le temperature e causando eventi meteorologici estremi, scioglimento dei ghiacci, innalzamento del livello del mare e acidificazione degli oceani. Questo è quanto afferma l’Organizzazione Mondiale per la Meteorologia (World Meteorological Organization – WMO).

Il blocco ha ridotto le emissioni di molti inquinanti e gas serra come l’anidride carbonica. Ma qualsiasi impatto sulle concentrazioni di CO2 – il risultato delle emissioni cumulative passate e attuali – in realtà non è maggiore delle normali fluttuazioni di anno in anno nel ciclo del carbonio e dell’elevata variabilità naturale nei pozzi di carbonio come la vegetazione.

I livelli di anidride carbonica hanno visto un altro picco di crescita nel 2019 e la media globale annuale ha superato la soglia significativa di 410 parti per milione, secondo il bollettino sui gas serra della WMO. L’aumento è continuato nel 2020. Dal 1990, c’è stato un aumento del 45% della forza radiativa totale – l’effetto del riscaldamento sul clima – da parte dei gas a effetto serra di lunga durata, con la CO2 che ne rappresenta i quattro quinti.

«L’anidride carbonica rimane nell’atmosfera per secoli e nell’oceano ancora più a lungo. L’ultima volta che la Terra ha sperimentato una concentrazione comparabile di CO2 è stata di 3-5 milioni di anni fa, quando la temperatura era di 2-3 °C più calda e il livello del mare era di 10-20 metri più alto di adesso. Ma non c’erano 7,7 miliardi di abitanti» ha affermato il segretario generale della WMO, il professor Petteri Taalas.

«Abbiamo superato la soglia globale di 400 parti per milione (ppm) nel 2015. E solo quattro anni dopo, abbiamo superato 410 ppm. Un tale tasso di crescita non è mai stato visto nella storia da quando si hanno registrazioni. La riduzione delle emissioni correlata al blocco è solo un piccolo crollo su un grafico a lungo termine. Abbiamo bisogno di un appiattimento sostenuto della curva» ha aggiunto il prof. Taalas.

«La pandemia COVID-19 non è una soluzione per il cambiamento climatico. Tuttavia, ci fornisce una piattaforma per un’azione per il clima più sostenuta e ambiziosa per ridurre le emissioni a zero netto attraverso una trasformazione completa dei nostri sistemi industriali, energetici e di trasporto. I cambiamenti necessari sono economicamente accessibili e tecnicamente possibili e influenzerebbero solo marginalmente la nostra vita quotidiana. È positivo il fatto che un numero crescente di paesi e aziende si siano impegnati per la neutralità del carbonio» e ha concluso aggiungendo: «Non c’è tempo da perdere». 

Nuovi record nel 2019

 Il Greenhouse Gas Bulletin – uno dei rapporti di punta della WMO – fornisce dettagli sull’abbondanza atmosferica dei principali gas serra di lunga durata: anidride carbonica, metano e protossido di azoto.

Il bollettino si basa su osservazioni e misurazioni del Global Atmosphere Watch della OWM e delle reti di partner, che includono stazioni di monitoraggio atmosferico in remote regioni polari, alte montagne e isole tropicali. Queste stazioni hanno continuato a funzionare nonostante le restrizioni COVID-19 che ostacolano i rifornimenti e la rotazione del personale in luoghi spesso difficili e isolati. 

Previsioni per il 2020

Secondo il Bollettino si stima che durante il periodo più intenso della chiusura, le emissioni giornaliere di COpotrebbero essere state ridotte fino al 17% a livello globale a causa del confinamento della popolazione. Poiché la durata e la gravità delle misure di confinamento rimangono poco chiare, la previsione della riduzione annuale totale delle emissioni nel 2020 è molto incerta.

Stime preliminari indicano una riduzione dell’emissione globale annua compresa tra il 4,2% e il 7,5%. Su scala globale, una riduzione delle emissioni di questa scala non causerà una diminuzione della CO2 atmosferica. La CO2 continuerà a salire, anche se a un ritmo leggermente ridotto (0,08-0,23 ppm all’anno in meno). Ciò rientra ampiamente nella variabilità interannuale naturale di 1 ppm. Ciò significa che a breve termine l’impatto dei confini del COVID-19 non potrà essere distinto dalla variabilità naturale.

Maggiori informazioni QUI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here