Il progetto CoolFish: per una maggiore sostenibilità della refrigerazione nel settore della pesca

 

Credits: CoolFish

CoolFish è un progetto europeo (2019 – 2023. Capofila: Sintec, Norvegia) che mira a sviluppare tecnologie e concetti più efficienti, moderni e sostenibili per il raffreddamento, il congelamento e il riscaldamento a bordo dei pescherecci. Il progetto contribuirà inoltre ad aumentare il trasferimento di conoscenze tra la ricerca e l’industria, sia a livello nazionale che internazionale.

L’industria della pesca oggi deve affrontare grandi sfide per poter contribuire alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Per far fronte a questo problema, i nuovi combustibili e le tecnologie dei motori per la propulsione dei pescherecci sono in rapido sviluppo. Questo influenza indirettamente anche i sistemi di refrigerazione, che normalmente usano l’energia del motore per funzionare. Le nuove tecnologie di propulsione e i nuovi combustibili modificano la produzione di energia termica e la domanda a bordo dei pescherecci. Ad esempio, una nave alimentata a energia elettrica non fornisce la stessa possibilità di recupero del calore rispetto ad una alimentazione a combustibili fossili, il che significa che il sistema energetico di nuova generazione deve coprire anche una quota maggiore di richieste termiche.

Precedenti ricerche hanno generato ampie conoscenze e competenze in questo tipo di problematica e hanno portato alla introduzione di sistemi integrati di raffreddamento e riscaldamento che utilizzano CO2 come refrigerante. Ad esempio, per il settore dei supermercati nordici. L’applicazione e l’ulteriore espansione di queste conoscenze rientrano nel campo di applicazione di CoolFish, che vuole adattare tale tecnologia alle condizioni operative dei pescherecci.

Il progetto CoolFish mira, dunque, a contribuire allo sviluppo di sistemi di refrigerazione di prossima generazione, che rispondano ai mutamenti tecnici a cui vanno incontro i pescherecci, che siano efficienti dal punto di vista energetico e rispettosi del clima, sfruttando le opportunità offerte dalle nuove tecnologie di propulsione e impiegando refrigeranti naturali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here