EFCTC – HFC: un paio di proposte per contrastare l’illegalità

EFCTC – European FluoroCarbons Technical Committee, associazione che rappresenta gli interessi dell’industria degli idrofluorocarburi – ha pubblicato un documento di sintesi che esplora gli strumenti che gli Stati membri hanno o possono creare, nel contesto del regolamento UE sui gas fluorurati. La base giuridica del regolamento UE sui gas fluorurati è l’articolo 191, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea. Pertanto, spetta agli Stati membri adottare ulteriori misure purché non interferiscano con i principi fondamentali dell’Unione europea, in particolare la libera circolazione di merci e persone. Nel contesto dell’aumento del commercio illegale di HFC (HFC immessi sul mercato fuori quota), il documento suggerisce alcuni strumenti che gli Stati membri possono attuare senza la necessità di una modifica del regolamento sui gas fluorurati.

  1. Proibire la fornitura e l’uso di HFC in cilindri non ricaricabili. Il regolamento sui gas fluorurati proibisce l’immissione sul mercato di HFC in bombole non ricaricabili, ma il loro successivo utilizzo nella catena di approvvigionamento non è regolamentato (esplicitamente vietato). Pertanto, solo l’atto di immissione sul mercato di HFC di bombole non ricaricabili costituisce una aperta violazione del regolamento sui gas fluorurati. Questa ambiguità può essere risolta rendendo reato la fornitura e/o l’uso di HFC in bombole non ricaricabili nell’UE. Allo stesso modo, afferma il comitato, il loro uso dovrebbe ancora essere consentito a fini di esportazione (già consentito, poiché gli HFC non sono immessi sul mercato UE) o per scopi di analisi interne (garanzia della qualità).
  2. Controlli mirati e casuali della fornitura di HFC. Ai sensi dell’articolo 6 del regolamento sui gas fluorurati, sia gli operatori / i proprietari di apparecchiature che i fornitori devono tenere un registro degli HFC forniti e consumati. Raccomandiamo che questo obbligo si applichi all’intera catena di approvvigionamento di gas fluorurati e che gli Stati membri effettuino controlli mirati e casuali di tali registri, seguendo l’intera catena di approvvigionamento fino a includere il produttore / importatore di HFC. Controlli mirati si concentrano su utenti particolarmente vulnerabili come officine di riparazione di impianti di climatizzazione per auto, caseifici e piccoli negozi al dettaglio. Chiunque non fornisca la prova degli acquisti potrebbe essere multato per un importo equivalente al CO2-eq dell’acquisto ai sensi del sistema di scambio di quote di emissioni dell’UE (circa € 25 / T CO2-eq). Chiunque nella catena di approvvigionamento non fornisca prove, inoltre, dovrebbe perdere la licenza in caso di recidività.
  3. Controlli IVA avanzati sugli acquisti di HFC. Sembra che molti acquisti di HFC illegali vengano effettuati solo in contanti. Raccomandiamo pertanto che le società di assistenza certificate ai sensi dell’articolo 11.4 del Regolamento sui gas fluorurati siano sottoposte a controlli rafforzati ai sensi delle norme IVA (approccio basato sul rischio). Al fine di prevenire la concorrenza sleale, ciò deve andare di pari passo con i controlli dei giornali di bordo degli operatori / proprietari di apparecchiature e degli utenti vulnerabili degli HFC (ad esempio officine di riparazione automobilistiche) come suggerito sopra.
  4. Sanzioni dissuasive. Allo stato attuale, le sanzioni per violazione del regolamento sui gas fluorurati sono considerate un “costo per fare affari”. Raccomandiamo che qualsiasi violazione intenzionale degli obblighi previsti dal regolamento sui gas fluorurati sia soggetta a un’ammenda non inferiore al valore ETS degli HFC importati o utilizzati illegalmente (circa € 25 T CO2-eq) e al costo della distruzione nel caso di confisca.
  5. Migliorare il coinvolgimento delle dogane. Le autorità doganali hanno molte responsabilità e sono spesso sopraffatte dal numero di compiti che dovrebbero completare. Dalle nostre discussioni con le autorità doganali, sembra che ci sia poca consapevolezza delle restrizioni previste dal regolamento sui gas fluorurati. EFCTC ha sviluppato un “albero decisionale” che intende aiutare gli agenti doganali di prima linea a determinare se gli HFC dichiarati per l’importazione sono legittimi. Uno degli elementi critici è l’accesso al portale UE sui gas fluorurati dove le autorità doganali possono verificare se il destinatario è registrato nel registro dei gas fluorurati (sistema del registro dei gas di scarico) e la quota assegnata. Raccomandiamo vivamente che gli Stati membri impongano a qualsiasi importatore di HFC di includere il loro ID di registrazione nelle loro dichiarazioni doganali (ad esempio nella casella 44 della dichiarazione di importazione).

Inoltre, le dogane in collaborazione con DG CLIMA potrebbero creare elenchi per il monitoraggio:

  • Società che superano la quota (che pretendono di riesportare, ecc.);
  • Aziende che rivendicano il loro carico “in transito” e tengono traccia del fatto che lasciano l’UE;
  • Aziende che importano HFC al di sotto della soglia di 100 TCO2eq (ma che possono importare ripetutamente)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here