Copernicus: gennaio 2020, temperature decisamente sopra la media

Fonte:Copernicus Climate Change

Il servizio Copernicus Climate Change (C3S), gestito dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto dell’Unione europea, pubblica regolarmente bollettini mensili sul clima che riportano i cambiamenti osservati nella temperatura globale dell’aria di superficie, nella copertura del ghiaccio marino e nelle variabili idrologiche. Tutti i risultati riportati si basano su analisi generate al computer utilizzando miliardi di misurazioni da satelliti, navi, aeromobili e stazioni meteorologiche in tutto il mondo.

Per gennaio 2020, il primo mese di questo decennio, le notizie sulla temperatura dell’aria non sono così buone:

  • La temperatura globale è stata la più calda rispetto a qualsiasi precedente gennaio nel set di dati, ma solo marginalmente (di 0,03 ° C) nel caso di gennaio 2016
  • Per l’Europa, gennaio 2020  è stato il mese più caldo di tutti i mesi di gennaio misurati, circa 0,2 ° C più caldo del precedente più caldo – quello del 2007 – e 3,1 ° C più caldo dellle temperature medie per gennaio nel periodo 1981-2010
  • Le temperature medie sono state particolarmente elevate in gran parte dell’Europa nord-orientale, in alcune aree di oltre 6°C sopra la media per gennaio del periodo 1981-2010.

Ulteriori informazioni sulle variabili climatiche a gennaio e sugli aggiornamenti climatici dei mesi precedenti, nonché la grafica ad alta risoluzione possono essere trovate QUI.

Copernicus è il programma di osservazione della Terra dell’Unione Europea, che si basa in gran parte su dati satellitari, ma anche su misurazioni da stazioni meteorologiche, aerei e navi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here