GUIDA per la definizione di REQUISITI MINIMI di EFFICIENZA in refrigeratori domestici e light commercial

Accelerare l’adozione globale di frigoriferi ecologici ed efficienti dal punto di vista energetico”  è una guida volontaria messa a punto da UNEP United for Efficiency (U4E), GEF (Global Environment Facility) e KCEP (Figali Cooling Efficiency Program).

Essa vede come destinatari i governi delle economie in via di sviluppo ed emergenti che stanno prendendo in considerazione un regolamento o quadro legislativo per migliorare l’efficienza dei nuovi apparecchi di refrigerazione, per favorire l’utilizzo in questi apparecchi di  refrigeranti con un potenziale di riscaldamento globale (GWP) inferiore rispetto ai refrigeranti tipici e per vietare l’importazione di prodotti usati. Tale guida copre i prodotti comunemente utilizzati in ambito residenziale e commerciale leggero.

I frigoriferi sono uno dei primi apparecchi acquistati dalle famiglie quando l’elettricità diventa acccessibile e il reddito aumenta. I livelli di proprietà crescono quasi quanto i collegamenti alla rete elettrica. Lo stock previsto di frigoriferi in uso nelle economie emergenti e in via di sviluppo dovrebbe raddoppiare da circa 1 miliardo di oggi a quasi 2 miliardi entro il 2030.

I requisiti minimi di prestazione energetica e le etichette energetiche, se ben progettati e implementati, sono alcuni degli approcci più rapidi ed efficaci per la transizione dei mercati verso prodotti più efficienti dal punto di vista energetico. Mentre un certo numero di paesi ha requisiti minimi e/o etichette energetiche, molti altri sono obsoleti o non utili. Requisiti minimi ed etichette inadeguate rendono i paesi vulnerabili all’essere discariche per i prodotti che non possono essere venduti altrove. Il consumo di elettricità varia ampiamente in base al tipo, alle dimensioni, all’età e alla manutenzione dell’unità.

È stato scoperto che gli apparecchi di refrigerazione per uso domestico in alcuni mercati non regolamentati consumano oltre 1.000 kWh di elettricità all’anno, mentre alcuni dei tipi migliori consumano solo ¼. Tali risparmi hanno un impatto profondo sui costi di proprietà e funzionamento questi dispositivi.

Gli apparecchi di refrigerazione richiedono elettricità e un refrigerante per funzionare. Quando l’elettricità proviene da centrali elettriche a combustibile fossile, come nel caso di quasi il 75% dell’elettricità in paesi non OCSE, vengono emessi gas a effetto serra e inquinamento atmosferico. Molti refrigeranti hanno un potenziale di riscaldamento globale che supera di oltre 1.000 volte quello di una molecola equivalente di anidride carbonica. Fortunatamente, sono ampiamente disponibili tecnologie per migliorare l’efficienza energetica e utilizzare refrigeranti con un potenziale di riscaldamento globale inferiore.

Ai sensi dell’emendamento Kigali al Protocollo di Montreal, i paesi elimineranno gradualmente gli idrofluorcarburi (HFC) di oltre l’80% nei prossimi 30 anni. I benefici per il clima sarannosignificativamente migliori se si migliorerà contemporaneamente l’efficienza energetica, oltre a ridurre gradualmente gli HFC.

U4E ha co-organizzato seminari sul “gemellaggio” di questi target per legislatori in quasi 130 paesi nel 2018 e di nuovo nel 2019 su soluzioni di raffreddamento sostenibili. Molti partecipanti hanno espresso preoccupazione per l’impostazione di politiche sconnesse che riguardano solo l’efficienza o i refrigeranti e hanno richiesto una guida su standard minimi ed etichette che affrontano entrambi gli argomenti.

U4E ha consultato dozzine di esperti di vari settori e regioni per valutare le migliori pratiche e i nuovi sviluppi. L’obiettivo era bilanciare le ambiziose prestazioni energetiche e i requisiti di refrigerante, limitando al contempo gli impatti negativi sui costi iniziali e sulla disponibilità dei prodotti. Sono necessarie ulteriori valutazioni (ad es. valutazioni di mercato e analisi dell’impatto dei consumatori, dei servizi pubblici e dei produttori) prima di perseguire tali orientamenti.

I contenuti sono stati sviluppati partendo dal presupposto che i paesi interessati li metterebbero in atto nel 2023 circa, ma il testo dovrebbe essere adeguato costantemente nel modo più appropriato.  Mentre si fa riferimento ai requisiti comunemente usati, i vari paesi possono avere familiarità con altri che funzionano bene per il loro contesto. Ogni paese ha, infatti, caratteristiche uniche.

Questa guida è intesa come un punto di partenza per informare piuttosto che come un modello finale da adottare. I processi normativi dovrebbero essere intrapresi in modo trasparente e con tempo sufficiente per affrontare le circostanze locali (ad es. disponibilità e prezzi dei prodotti, livelli di reddito, tariffe di servizio, ecc.). Un processo di formulazione di requisiti minimi deve essere condotto dai legislatori preposti in consultazione con molti esperti del settore pubblico e privato e della società civile. L’unità nazionale dell’ozono (spesso nel ministero dell’ambiente) dovrebbe essere strettamente coinvolta in questo processo.

I paesi impegnati nella trasformazione del mercato e pronti a investire in una valutazione del mercato, nelle analisi dell’impatto, nelle consultazioni con le parti interessate, nel monitoraggio, nella verifica, nell’applicazione, nella sensibilizzazione e altro ancora dovrebbero prendere in seria considerazione i requisiti minimi di efficienza e le etichette obbligatori.

I paesi vicini dovrebbero allinearsi ove possibile per ridurre i costi di complessità e conformità per i produttori e alleviare alcune delle sfide poste dalla supervisione e dall’applicazione dei funzionari.

Approcci coerenti in tutti i paesi aiutano a produrre economie di scala per prodotti efficienti che consentono ai consumatori di risparmiare denaro sulle bollette dell’elettricità, riducono l’inquinamento atmosferico, mitigano le emissioni di gas a effetto serra e consentono una maggiore stabilità della rete elettrica.L’U4E spera che questa guida sia utile per sbloccare i numerosi benefici dell’energia raffreddamento efficiente ed ecologico.

La guida è disponibile QUI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here