G20: l’impegno attuale per il clima non è abbastanza

Le nazioni del G20, che causano circa l‘80% delle emissioni mondiali di gas serra, non sono collettivamente sulla buona strada per rispettare i loro impegni dell’accordo di Parigi. Il rovescio della medaglia è che hanno enormi opportunità di intraprendere tagli rapidi e profondi alle emissioni di gas a effetto serra. È quanto afferma il nuovo “Rapporto sul divario delle Emissioni” ad opera delle Nazioni Unite, che verrà ufficialmente presentato a novembre ma di cui è già disponibile un anteprima QUI.

In esso si conferma che i membri del G20 non stanno ancora assumendo impegni veramente incisivi per il clima, almeno non nella ampiezza e scala necessarie: le nazioni del G20 non riescono a raggiungere i loro contributi a livello nazionale (NDC) ai sensi dell’accordo di Parigi. Nel complesso, gli attuali NDC non sono abbastanza vicini da soddisfare gli obiettivi di temperatura di 1,5°C o inferiori a 2°C dell’accordo di Parigi. Ciò significa che il mondo è ancora sulla strada di un catastrofico aumento della temperatura di oltre 3°C in questo secolo.

Tuttavia, lo studio indica le aree chiave in cui le nazioni del G20 possono intensificare rapidamente le azioni quando presenteranno il prossimo round di NDC nel 2020.

«Possiamo evitare i cambiamenti climatici che alterano il pianeta solo con il pieno impegno delle nazioni del G20 per un futuro a zero emissioni di carbonio. Finora non hanno fatto abbastanza» ha dichiarato il direttore esecutivo dell’UNEP, Inger Andersen. «La buona notizia è che ogni nazione del G20 ha a disposizione una serie di azioni appropriate a livello nazionale per ridurre le proprie emissioni. In combinazione con un forte sostegno politico e sociale all’azione per il clima, non vi è mai stata un’opportunità migliore per i politici di intraprendere queste azioni».

Secondo il rapporto, le nazioni devono almeno triplicare il livello di ambizione dei loro attuali NDC per avere la possibilità di mantenere l’innalzamento della temperatura globale sotto i 2°C. Per mantenere le temperature globali a 1,5°C, devono aumentare di cinque volte le loro ambizioni.

Cosa sta causando questo divario? Secondo lo studio, ci sono una serie di lacune d’azione in tutte le aree con un alto potenziale di riduzione delle emissioni. Ad esempio, l’azione per il clima in tutta l’economia rimane limitata in settori quali la fine dei sussidi ai combustibili fossili, l’introduzione di prezzi del carbonio ambiziosi e globali e la coerenza dei flussi finanziari con l’accordo di Parigi; gli impegni nazionali per la decarbonizzazione completa delle forniture di elettricità coprono meno dell’1% delle emissioni globali di CO2 dalla produzione di elettricità; i diversi paesi non pongono obiettivi ambiziosi per l’industria; gli impegni per azzerare gli obiettivi di deforestazione netti non vengono sostenuti con azioni sul campo.

Secondo lo studio, le nazioni del G20 possono colmare queste lacune e raggiungere i livelli di ambizione richiesti sfruttando gli sviluppi tecnologici ed economici per decarbonizzare le loro economie, massimizzando le sinergie tra azione per il clima e obiettivi di sviluppo e basandosi su un aumento di impegni per l’azione per il clima tramite attori non statali, come città e imprese.

Da considerare, in particolare, è l’impiego di energia rinnovabile, la fonte più economica di nuova generazione di energia nella maggior parte del mondo. I costi di installazione dell’eolico on-shore e del solare fotovoltaico nel 2019 sono dell’8% e del 13% inferiori rispetto a quelli previsti dall’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili un anno fa. In combinazione con il calo dei costi di sistemi di accumulo (batterie), questo apre immense possibilità all’energia rinnovabile su vasta scala.

Il Rapporto sul divario delle emissioni è il rapporto faro delle Nazioni Unite per l’ambiente. Esso presenta una valutazione annuale degli attuali sforzi nazionali di mitigazione e delle ambizioni che i paesi hanno presentato nei loro Contributi determinati a livello nazionale, che formano la base dell’Accordo di Parigi. Il rapporto descrive il divario tra le promesse dei paesi su quanto ridurranno le emissioni di gas a effetto serra e l’effettiva riduzione richiesta se vogliamo mantenere il riscaldamento globale ad un aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2°C entro la fine di questo secolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here