Australia: il settore del freddo si guarda allo specchio

AustraliaIl Governo australiano ha recentemente pubblicato i dati di un censimento condotto per definire le dimensioni del settore del freddo sul continente (QUI). I dati, pubblicati alla fine del 2018, si riferiscono al 2016 e indicano che in quell’anno erano circa 300.000 le persone impiegate in più di 20.000 aziende operanti nel settore RAC. Questi dipendenti hanno guadagnato circa $ 24 miliardi, la maggior parte grazie a manutenzione e gestione degli impianti.

Quasi 8,1 miliardi $ sono stati spesi per l’acquisto e l’installazione di nuove attrezzature nel 2016 e si stima che altri 161 milioni $ siano stati spesi per i refrigeranti. La tecnologia RAC in tutte le sue forme è responsabile di una buona parte del consumo di elettricità in Australia. Ci sono oltre 54 milioni di pezzi singoli di apparecchiature RAC che operano sul continente, che nel 2016 hanno consumato oltre 61.000 GWh di elettricità, un po‘ più del 23,6% dei 258.000 GWh di produzione di elettricità in Australia in quell’anno.

I proprietari di apparecchiature RAC hanno speso circa 14 miliardi di dollari per pagare quella elettricità e i combustibili liquidi necessari per gestire i sistemi di refrigerazione e condizionamento.

Questo vasto assortimento di attrezzature, dai piccoli frigoriferi portatili e condizionatori d’aria agli enormi refrigeratori commerciali e agli impianti di refrigerazione, impiega oltre 50.000 tonnellate di refrigeranti sintetici con elevati valori di potenziale di riscaldamento globale (GWP). Si stima che il totale di refrigeranti sul mercato in Australia nel 2016 ammontasse a un valore di circa $ 2,7 miliardi.

Anche quasi 5.400 tonnellate di refrigeranti a basso GWP si trovano nei principali impianti di refrigerazione, soprattutto negli impianti di distribuzione, in celle frigorifere, in oltre 740.000 veicoli stradali registrati, in un numero crescente di sistemi di refrigerazione per supermercati e in milioni di frigoriferi domestici.

Emissioni di gas serra

A causa dell’enorme quantità di energia elettrica utilizzata e delle perdite significative di refrigeranti ad alto GWP, l’uso di apparecchiature RAC può essere considerato una delle maggiori fonti di emissioni di gas serra in Australia.

Le emissioni totali indirette di gas a effetto serra derivanti dal consumo di elettricità sono stimate in 58,7 milioni di tonnellate di CO2eq all’anno, pari al 10,9% delle emissioni nazionali australiane di gas serra nel 2016. Le perdite annuali di refrigeranti HCFC e HFC provenienti dai sistemi RAC operativi sono calcolate pari a ulteriori 6,4 milioni di tonnellate di CO2eq. Circa 3,6 milioni di tonnellate di CO2eq aggiuntive e di refrigeranti vengono perse ogni anno dalle apparecchiature dismesse al termine della loro vita utile.

Secondo i calcoli condotti per compilare il rapporto su questo censimento, la tecnologia RAC nel 2016 è stata responsabile di emissioni totali di gas serra equivalenti a circa 68,7 milioni di tonnellate di CO2eq nel 2016 (compresi gli HCFC), pari al 12,4% di tutte le emissioni di gas serra riportate nell’inventario nazionale australiano dei gas serra per il 2016.

Proiezioni al 2030

Le proiezioni per gli sviluppi futuri fino al 2030 indicano una crescita costante e sostenuta della domanda di servizi di refrigerazione e condizionamento, spinti dallo stesso mix di fattori che ha guidato lo sviluppo dei consumi di refrigerante nel decennio 2006-2016: una forte economia, crescita della popolazione, costi ridotti delle attrezzature e temperature estive più elevate. Si prevede che il valore assoluto delle perdite combinate di refrigerante HCFC e HFC aumenti entro il 2030. Tuttavia, il valore di CO2eq delle emissioni dirette annuali delle apparecchiature operative dovrebbe diminuire di oltre il 27% dagli attuali 6,4 milioni di tonnellate di CO2eq a 4,7 milioni di tonnellate nel 2030. Ciò riflette il tasso di transizione previsto verso l’uso di HFC a GWP più bassi e all’aumento nell’utilizzo di refrigeranti naturali.

È importante sottolineare che durante l’ultimo decennio il consumo totale di energia delle apparecchiature RAC è cresciuto ad un ritmo più lento rispetto alla crescita dello stock di attrezzature. Una progettazione più efficiente delle apparecchiature, unita a refrigeranti più performanti e con una migliore capacità di contenimento si combinano per ridurre l’energia consumata per tutta la durata dell’apparecchiatura. Le proiezioni prevedono che il picco di valore GWP dei refrigeranti sul mercato australiano sarà raggiunto intorno al 2020 a più di 102 milioni di tonnellate di CO2eq, prima di iniziare a diminuire costantemente con l’introduzione di nuove generazioni di refrigeranti a GWP inferiori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here