Schneider Electric rafforza il suo impegno per diventare a emissioni zero entro il 2030

Schneider
Schneider Electric ha attrezzato il Centro conferenze internazionale di Katowice, dove si sta svolgendo COP24

In un momento in cui l’ultimo rapporto dell’IPCC richiede azioni urgenti per combattere il cambiamento climatico, Schneider Electric, leader nella trasformazione digitale della gestione e dell’automazione dell’energia, sta accelerando il suo contributo al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Per celebrare l’inizio, ieri, della COP24 a Katowice (Polonia), che si tiene dal 3 al 14 dicembre 2018, Schneider Electric ha confermato di voler diventare carbon neutral entro il 2030, utilizzando soluzioni che contribuiranno ad accelerare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

«L’emergenza climatica sta aumentando e stanno emergendo nuovi modi per affrontare la questione: l’accordo di Parigi firmato tre anni fa ci fornisce una comprensione molto più chiara di ciò che è in gioco. Siamo ora a un punto critico nel limitare il riscaldamento globale a meno di 2°C sopra i livelli pre-industriali per evitare un grave disastro ecologico» afferma Gilles Vermot Desroches, Senior VP per la sostenibilità di Schneider Electric.

Nel novembre 2015, alla vigilia di COP21, Schneider Electric ha annunciato il suo piano per diventare carbon neutral entro il 2030. In occasione dell’evento COP24, Schneider Electric sta intensificando le sue ambizioni e rafforzando i suoi impegni nella lotta ai cambiamenti climatici, sulla base di tre iniziative complementari:

  1. Prima del 2020: rispettare i 21 nuovi impegni del barometro Schneider Sustainability Impact 2018-2020;
  2. Raggiungere la neutralità in termini di emissioni di carbonio entro il 2030 nei propri stabilimenti e siti, in un ecosistema di coesione industriale comprendente sia fornitori che clienti. A tale scopo, il gruppo:
    1. farà quantificare le emissioni di carbonio risparmiate dai suoi clienti grazie alle sue offerte EcoStruxure
    2. passerà al 100% di elettricità rinnovabile, utilizzerà imballaggi riciclabili o riutilizzabili al 100% e recupererà 100% dei rifiuti industriali;
    3. raddoppierà la sua produttività energetica rispetto all’anno di riferimento;
    4. a partire da oggi ed entro il 2050: ridurre le emissioni di cui al punto 1 e 2 di CO2 di oltre il 50% rispetto al 2015, in linea con i principi guida dell’iniziativa Science Based Targets.
Costruire insieme un futuro sostenibile, grazie all’efficienza energetica

«Le decisioni che prendiamo oggi sono fondamentali per garantire un mondo sicuro e sostenibile per tutti, sia ora che in futuro. A Schneider Electric crediamo che la sostenibilità e l’innovazione siano tecnologicamente possibili oggi. Il COP24 in Polonia quest’anno è un’opportunità per noi per dimostrare il nostro contributo attraverso soluzioni che rappresentano un vero rimedio ai cambiamenti climatici e mostrare come possiamo contribuire a soddisfare i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite» ha affermato Gilles Vermot Desroches.

Schneider Electric ha già realizzato proprio in Polonia una serie di progetti dove l’efficienza energetica è priorità:

  • Schneider Electric ha completato la modernizzazione della distribuzione elettrica della vetreria Saint Gobain a Dąbrowa Górnicza nel 2017. La sostituzione e l’ottimizzazione dei trasformatori, grazie a EcoSruxure Power Consulting Services, ha portato a un calo del 16% delle perdite di energia (OPEX) nel 2018 e un calo del 30% delle spese in conto capitale.
  • Schneider Electric ha attrezzato il Centro conferenze internazionale di Katowice, dove si svolgerà la COP24 e la National Radio Symphony Orchestra Hall polacca, sede del concerto di apertura, con la costruzione di sistemi di gestione dell’energia che riducono significativamente il loro consumo energetico mantenendo il comfort degli occupanti.
Affrontare la povertà energetica e l’emergenza climatica

L’accesso all’energia è un diritto umano fondamentale. La lotta contro il cambiamento climatico non sarà efficace se non si terrà conto delle esigenze dei 2,3 miliardi di persone con scarso accesso all’energia. Ecco perché Schneider Electric promuove attivamente l’accesso sostenibile all’energia ovunque. Nei paesi sviluppati questo significa combattere la povertà energetica, lo stato in cui una persona non può riscaldare la propria casa a un costo accettabile. Alla COP 24, la Fondazione Schneider Electric, sotto l’egida della Fondazione de France, insieme all’organizzazione imprenditoriale sociale Ashoka, perseguirà questo impegno per affrontare la povertà energetica in Europa lanciando un nuovo bando per progetti per il 2019.

Il cambiamento climatico è un’altra questione chiave, poiché molte persone sono già state costrette a lasciare le loro case a causa di disastri naturali estremi. Queste situazioni richiedono soluzioni di accesso all’energia mobili, pulite, affidabili ed economiche. Alla COP24, Schneider Electric lancerà la sua soluzione “Villaya Emergency“ per un più facile accesso all’energia in situazioni di emergenza. Questa soluzione di microgrid solare è pronta all’uso in qualsiasi situazione grazie a un sistema che combina le tecnologie Schneider Electric e l’esperienza di start-up innovative. L’intera soluzione è inserita in un container standard per un trasporto o uno spostamento rapido e semplice ovunque nel mondo.

Schneider Electric al COP24

COP24 riunirà circa 20.000 partecipanti (leader politici e rappresentanti di ONG, imprese, scienza e ricerca) provenienti da oltre 190 paesi, tutti impegnati ad accelerare l’implementazione di soluzioni entro il 2020. Gli esperti e i dirigenti di Schneider Electric parteciperanno a una serie di eventi e tavole rotonde.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here