Sistemi con refrigeranti naturali – un calcolo trasparente

Rob Lamb, membro dell’iniziativa europea eurammon e direttore marketing di Star Refrigeration Ltd.

Dal divieto CFC e il protocollo di Kyoto per il regolamento UE sui gas fluorurati ad effetto serra – sempre più legislazioni nazionali ed internazionali stanno limitando l’uso di refrigeranti dannosi per il clima. In questo contesto, gli operatori si trovano ad affrontare la questione sempre più urgente delle caratteristiche ecologiche ed economiche dei metodi di refrigerazione. Con un ODP pari a 0 e un GWP tra 0 e 3, i refrigeranti naturali sono particolarmente rispettosi dell’ambiente, macostituiscono anche una scelta sicura per gli utenti, – senza restrizioni d’uso per il prossimo futuro.

A prima vista, i costi di investimento iniziali per i sistemi che utilizzano i refrigeranti naturali risultano alti, se considerati in assoluto, ma dovrebbero sempre essere considerati nel loro contesto: un’analisi dettagliata dei costi del ciclo di vita dimostra che i refrigeranti naturali sono spesso la scelta migliore in termini economici. Rob Lamb, membro dell’iniziativa europea eurammon e direttore marketing dell’azienda britannica Star Refrigeration Ltd., spiega dettagliatamente in questa intervista quali sono i fattori importanti sono per un calcolo economico.

D.: Per confrontare l’efficienza economica dei diversi sistemi, è necessario guardare ai costi complessivi. Quali sono i fattori rilevanti per il calcolo dei cosiddetti costi del ciclo di vita?

Rob Lamb: Quando si confrontano diverse soluzioni di raffreddamento è importante analizzarle bene. I sistemi di raffreddamento funzionano a condizioni di progetto solo per poche ore all’anno. Comprendere il profilo di carico di raffreddamento e il profilo di temperatura ambiente per un progetto permette di fare calcoli che mostrano le differenze di prestazioni tra due o più sistemi. I sistemi ad ammoniaca moderni tipicamente incorporano funzionalità che migliorano l’efficienza energetica, quali motori, ventilatori e compressori a velocità variabile. Essi hanno sistemi di controllo che consentono di variare le temperature di evaporazione e condensazione delle condizioni di carico in relazioni a quelle ambientali. La combinazione di questi miglioramenti energetici mostra tipicamente vantaggi rispetto alle soluzioni alternative che utilizzano refrigeranti sintetici. L’aspettativa di vita degli impinati dovrebbe anche essere integrata nei calcoli del ciclo di vita. I sistemi di ammoniaca sono progettati per una vita operativa di 20 anni, grazie alla qualità dei materiali, dei componenti utilizzati e dei metodi di costruzione. Soluzioni che utilizzano refrigeranti sintetici sono in genere costruiti a un costo inferiore e in un’ottica temporale più breve. È comune trovare che le soluzioni a refrigerante sintetico debbano esser sostituite nel giro di dieci anni e questo dovrebbe essere integrato in qualsiasi confronto del ciclo di vita. C’è anche da prendere in considerazione l’incertezza dei refrigeranti HFC, il che può significare che la sostituzione del refrigerante debba essere considerata ancora prima.

D.:I costi di investimento iniziale relativamente elevati per i sistemi che utilizzano refrigeranti naturali sono controbilanciati da minori costi operativi e da un ciclo di vita più lungo. Che cosa significa questo per il tempo di ammortamento?

Rob Lamb: Gli investimenti in sistemi refrigeranti naturali dovrebbe essere visti su un lungo periodo, di 20 anni circa, in particolare quando si utilizza l’ammoniaca. È tipico trovare un ritorno sul costo maggiore dell’ investimento di 3 a 5 anni. Dopo questo punto, i sistemi refrigeranti naturali continueranno a fornire una riduzione dei costi operativi nel periodo di vita dell’impianto.

D.: I refrigeranti naturali sono molto convenienti. Come influenzano i costi di gestione le perdite e le cariche di refrigerante?

Rob Lamb: La tossicità e/o l’infiammabilità di sistemi con refrigeranti naturali (con l’eccezione dell’anidride carbonica, che non è né tossica né infiammabile) implica la necessità di mitigare il rischio di perdite nelle fasi di progettazione e produzione che è di fondamentale importanza. Storicamente tassi di perdita da sistemi ad ammoniaca sono stati trascurabili e il rabbocco di refrigerante è stato tipicamente il risultato del lavoro di servizio dove è stato necessario rimuovere una parte del refrigerante prima di eseguire il lavoro. Il costo di ogni sostituzione di refrigerante naturale è tipicamente meno del 10% di quello dei gas HFC, un divario che potrebbe aumentare con l’introduzione delle più costose soluzioni con HFO e miscele di HFC/HFO.

D.: Nonostante i loro elevati costi di investimento iniziali, i sistemi a base di ammoniaca per larga scala refrigerazione industriale sono affermati ormai da un bel po’ di tempo. Ormai, i refrigeranti naturali stanno trovando la loro strada in sempre più settori dell’industria del condizionamento d’aria, ad esempio, o nelle applicazioni più piccole fino a 200 kW. Cosa pensa che siano le ragioni di questo sviluppo – e dove si trova questa tendenza leader del settore?

Rob Lamb: L’incertezza sul futuro dei refrigeranti sintetici è un fattore chiave dietro il crescente interesse per refrigeranti naturali per le piccole applicazioni. Gli utenti finali non vogliono investire in attrezzature che possono avere bisogno di sostituzioni o di retrofitting nei prossimi cinque-dieci anni. Le soluzioni a refrigeranti naturali forniscono certezza futura relativamente a limiti d’uso o riduzioni. L’evoluzione della tecnologia arefrigerante naturale ha anche aiutato a far crescere interesse in quanto ha fatto sì che i componenti per refrigeranti naturali e le attrezzature siano diventati più accessibili. In particolare, i sistemi di anidride carbonica hanno un prezzo interessante e sono quindi aumentati, per esempio in negozi e strutture commerciali. I refrigeranti naturali sono una valida alternativa alle soluzioni sintetiche anche per sistemi di piccola potenza.

Secondo lei, quali aspetti meritano di essere approfonditi per convincere i decisori della redditività a lungo termine di refrigeranti naturali?

Rob Lamb: Dimostrare un ragionevole ritorno sugli investimenti con i sistemi refrigeranti naturali e anche l’incertezza sull’uso futuro dei refrigeranti sintetici sono due fattori chiave per convincere i clienti a passare ai refrigeranti naturali. Mentre il costo iniziale può essere più elevato, quando tutti gli aspetti del costo del ciclo di vita sono considerati tra cui l’efficienza, la longevità e la disponibilità a lungo termine, i refrigeranti naturali hanno il loro perché.

Il testo originale dell’intervista: QUI

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here