Contrabbando: un danno anche per l’ozono

La criminalità ambientale è un grande business, un’azienda globale multi-miliardaria. Criminali in tutto il mondo guadagnano miliardi di dollari ogni anno da pratiche di dumping di rifiuti pericolosi, contrabbando di materiali pericolosi messi al bando e dallo sfruttamento e traffico di risorse naturali protette. Il commercio illegale di prodotti “ambientalmente sensibili” come ad esempio le sostanze chimiche dannose per l’ozono è un problema internazionale che minaccia il nostro ambiente comune, si traduce in perdita di introiti per i governi  e rafforza organismi criminali. Tale commercio illegale pregiudica l’efficacia dei trattati internazionali ambientali come ad esempio il Protocollo di Montreal sulle sostanze che riducono lo strato di ozono.

I criminali del contrabbando di sostanze che danneggiano l’ozono operano in ogni settore, aggirando i controlli alle frontiere nazionali. Questo traffico illecito mina il duro lavoro delle imprese, delle risorse finanziarie e del tempo investiti dai governi, aziende e privati per implementare questo trattato. Ogni nazione che è una parte del trattato deve impostare le politiche necessarie per regolare il commercio di prodotti chimici e tendere a stabilire un sistema di monitoraggio e controllo alle frontiere per far rispettare i trattati stessi.

Il Programma delle Nazioni Unite riconosce un ruolo critico agli uomini e alle donne in carico di controllare che tale contrabbando non avvenga ed e’ consapevole che senza la loro vigilanza e partecipazione attiva, il controllo in generale e’ meno efficace . La valorizzazione , l’equipaggiamento e la formazione professionale  degli staff doganali sono dunque di vitale importanza per il successo del Protocollo di Montreal.

Questo è il motivo per cui l’UNEP , e gli altri enti che lavorano nell’ambito del Fondo multilaterale per l’attuazione del Protocollo di Montreal ( MLF ) hanno sviluppato questo manuale di formazione Piu’ di 16.000 ufficiali di dogana di tutto il mondo sono  stati formati da varie agenzie . Questa stragrande maggioranza e’ stata addestrata tramite questo manuale che ora OzonAction rende pubblico e disponibile per tutti a QUESTO link

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here