IPCC: sempre più urgente un’azione per il clima

IPCC: In generale, le prove pubblicate indicano che i costi netti per il danno dei cambiamenti climatici sono probabilmente significativi e aumenteranno nel tempo. (foto credits: NASA)

«Limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C richiede cambiamenti rapidi, di ampia portata e senza precedenti in tutti gli aspetti della società». Lo afferma l’ultimo rapporto IPCC, edizione speciale dedicata alla valutazione di un impatto del riscaldamento globale di 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali. Nel rapporto si valutano anche le differenze rispetto a un eventuale aumento di +2°C delle temperature, ovvero solo 0,5°C di differenza, eppure con conseguenze consistenti sugli ecosistemi e sull’uomo.

La relazione speciale sarà un importante contributo scientifico alla Conferenza di Katowice sui cambiamenti climatici in Polonia a dicembre, quando i governi rivedranno l’Accordo di Parigi.

Il rapporto ha una base scientifica più che solida: oltre 6.000 referenze scientifiche citate, novantuno gli autori e da 40 paesi i revisori.

Oggi il mondo è di 1°C più caldo dei livelli preindustriali. Uno dei messaggi chiave che emerge con forza da questo rapporto è che stiamo già vedendo le conseguenze di questo grado in più ed esse sono disastrose: condizioni meteorologiche estreme, l’innalzamento del livello del mare e la diminuzione del ghiaccio marino artico, la scomparsa di alcuni ecosistemi, la desertificazione di aree sempre più ampie.

La situazione peggiorerebbe con 1,5°C ma sarebbe comunque più sostenibile rispetto ad un ipotetico innalzamento di 2°C.  Ad esempio, entro il 2100, l’innalzamento globale del livello del mare sarebbe inferiore di 10 cm con un riscaldamento globale di 1,5° C rispetto ai 2 ° C. La probabilità di un oceano Artico libero dal ghiaccio marino in estate sarebbe una volta al secolo con un riscaldamento globale di 1,5°C, rispetto ad almeno una volta ogni decennio con 2°C. Le barriere coralline diminuiranno del 70-90 percento con un riscaldamento globale di 1,5 ° C, mentre praticamente tutti (> 99 percento) i coralli andrebbero persi con 2°C.

«Ogni ulteriore aspetto del riscaldamento è importante, soprattutto dal momento che il riscaldamento di 1,5 ° C o più aumenta il rischio associato a cambiamenti duraturi o irreversibili, come la perdita di alcuni ecosistemi» ha dichiarato Hans-Otto Pörtner, Co-Presidente dell’IPCC Working Gruppo II.

Limitare il riscaldamento globale offrirebbe alle persone e agli ecosistemi più spazio per adattarsi e rimanere al di sotto delle soglie di rischio pertinenti, ha aggiunto Pörtner. Il rapporto esamina anche i percorsi disponibili per limitare il riscaldamento a 1,5°C, cosa ci vorrebbe per raggiungerli e quali potrebbero essere le conseguenze. «La buona notizia è che alcuni dei tipi di azioni che sarebbero necessari per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C sono già in atto in tutto il mondo, ma avrebbero bisogno di essere accelerate» ha dichiarato Valerie Masson-Delmotte, Co-Chair of Working Gruppo I.

Il rapporto rileva che limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C richiederebbe transizioni rapide e di ampia portata in tutti i settori: energia, industria, edifici, trasporti e città. Le emissioni globali nette di biossido di carbonio (CO2) causate dall’uomo dovrebbero diminuire di circa il 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030, raggiungendo lo zero netto intorno al 2050. Ciò significa che eventuali emissioni residue dovranno essere compensate rimuovendo CO2dall’ aria.

«Limitare il riscaldamento a 1,5 ° C è ancora possibile secondo le leggi della chimica e della fisica, ma fare ciò richiederebbe cambiamenti senza precedenti» ha confermato Jim Skea, co-presidente del gruppo di lavoro IPCC III.

«Le decisioni che prendiamo oggi sono fondamentali per garantire un mondo sicuro e sostenibile per tutti, sia ora che in futuro.» ha affermato Debra Roberts, co-presidente del gruppo di lavoro IPCC II. E ancora: «I prossimi anni sono probabilmente i più importanti della nostra storia».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here