Verso ATMOsphere Europe 2018 – Un’intervista

ATMOsphereManca ormai solo poco più di un mese alla conferenza ATMOsphere Europe 2018 che quest’anno si terrà in Italia, a Riva del Garda nei giorni 19-21 novembre 2018.

È la prima volta che la Conferenza di riferimento sulla refrigerazione naturale ha luogo in Italia, indice non solo delle possibilità di mercato che il paese offre alla refrigerazione naturale, ma anche delle competenze tecniche che molte aziende italiane hanno nel settore della refrigerazione naturale.

L’interesse che sta risvegliando questa conferenza è forte e gli organizzatori si aspettano che questa possa diventare l’evento ATMOsphere Europe più grande di tutte le otto edizioni precedenti. In dialogo con Lydia Matthaeus-Wiltink, Global Event Manager, Shecco

 Cosa si devono aspettare i partecipanti alla conferenza ATMOsphere Europe 2018?

Con la sua nona edizione, che conferma l’esperienza e il know-how di Shecco, unici sul tema dei refrigeranti naturali, l’interesse da parte dei produttori, decisori politici e utenti finali è già definito. È chiaro che ATMOsphere è ormai diventata la più grande conferenza centrata esclusivamente sulle soluzioni di refrigeranti naturali in Europa e nel mondo. Mentre ci aspetta un intenso programma di conferenze, vi è anche spazio per i delegati per partecipare attivamente alle sessioni. Stiamo pianificando numerose opportunità informative e sessioni dedicate su tecnologia, normative e standard, formazione e, naturalmente, le esperienze più importanti per l’utente finale con soluzioni naturali. Ci aspettiamo di vedere circa 450 partecipanti, quindi sarà un’ottima occasione per incontrare nuovi esperti e vecchi amici del settore, oltre a un totale di 53 partner e sponsor a sostegno di questo evento. Tutto ciò rende chiaro quanto siano importanti i refrigeranti naturali per il mercato HVAC&R.

Nel frattempo avete già avuto un ATMOsphere Iberica e una conferenza in Francia. Quale è l’umore del settore in questi altri due paesi europei?

Giusto, abbiamo avuto entrambi questi eventi già quest’anno ed essi hanno risvegliato un  grande interesse. In generale, abbiamo notato che l’evoluzione e l’adozione di tecnologie con refrigeranti naturali sono diverse da paese a paese, quindi avere un programma nella lingua locale che affronta grandi temi e sfide nei mercati specifici contribuirà ad aumentare la consapevolezza e l’impegno nello sviluppo di queste soluzioni dovunque. In Spagna abbiamo già visto un cambiamento rispetto a due anni fa. Si è passati da un atteggiamento più conservatore verso i refrigeranti naturali a un interesse ora crescente da parte dell’intero settore, che riconosce i refrigeranti naturali come la soluzione tecnologica a prova di futuro. Anche durante il nostro primo evento ATMOsphere France, nel luglio di quest’anno, è risultato chiaro che l’interesse del Paese per le soluzioni a refrigerante naturale sta crescendo, anche in base all’interesse da parte degli utenti che sono sempre più alla ricerca di tecnologie di riscaldamento e raffreddamento sostenibili.

Il settore residenziale di condizionamento dell’aria (RAC) in Spagna e Francia non varia molto dalle tendenze generali osservate in Europa, sebbene il 60% di tutte le emissioni in questo settore provenga proprio dal condizionamento. Mentre i refrigeranti naturali sono una realtà nei settori della refrigerazione commerciale e industriale, l’aria condizionata è ancora dominata dai gas sintetici. Ci sono alcuni piccoli progressi qua e là e ci auguriamo che le discussioni che si svolgeranno durante  ATMO Europe in Italia saranno l’inizio di qualcosa di più grande.

Ci sono in questi due paesi misure per facilitare una transizione verso il 2030?

Il regolamento sui gas fluorurati e l’emendamento di Kigali stanno facendo pressione sui vari paesi affinché siano in grado di raggiungere gli obiettivi sugli HFC in un prossimo futuro. In questo contesto esistono effettivamente alcune misure messe in atto a livello nazionale. Ad esempio, la Spagna ha introdotto una tassa sui gas fluorurati nel 2015, come complemento del regolamento UE. Più recentemente, ha annunciato sussidi per 1,5 milioni di euro (PIMA Frío Plan) per supportare l’implementazione di nuovi sistemi che utilizzano refrigeranti a basso GWP come refrigeranti naturali in applicazioni commerciali.

La Francia, invece, sta ora valutando l’introduzione di una tassa sugli HFC, ma per ora si limita a seguire essenzialmente quanto prescrive il regolamento F-Gas dell’UE. Esistono molte barriere a livello di standard nazionali in Francia, il che rende difficile l’uso di refrigeranti naturali (ad esempio un divieto di refrigeranti infiammabili negli edifici pubblici rende impossibile l’affermazione degli idrocarburi). Questo è il cambiamento primario a cui deve andare incontro la Francia.

Secondo l’esperienza che  avete raccolto in Europa, quale è secondo voi il settore che ha le maggiori difficoltà verso la transizione al 2030?

Come accennato in precedenza, il settore del condizionamento dell’aria, sebbene abbia molte opportunità non sfruttate, si sta muovendo lentamente. Esistono diversi ostacoli per la più ampia diffusione di refrigeranti naturali in questo sotto-settore, tra cui, ad esempio, codici e standard che vietano l’uso di idrocarburi nelle apparecchiature a corrente alternata, ma anche il timore dei consumatori di usare prodotti naturali, poiché vi sono ancora lacune nella comprensione del refrigerante naturale (ad esempio, superare i problemi di infiammabilità con una formazione adeguata per il bene delle soluzioni tecnologiche più ecologiche).

In questi ultimi anni voi avete organizzato anche un evento ATMOsphere ASIA, un evento in Sud Africa e uno in Australia.  Quali trend avete osservato in queste regioni?

È corretto. E non dimentichiamo la nostra seconda conferenza più grande quest’anno, ATMOsphere America, che si è svolta a giugno. Generalmente le tendenze in tutto il mondo sono simili. Sono invece il livello di penetrazione e velocità delle tecnologie che cambiano da un luogo all’altro. L’Europa è la regione più avanzata nell’affermazione di soluzioni di refrigeranti naturali e quindi funge da esempio per mostrare al resto del mondo cosa è possibile. Nonostante alcune barriere esistenti, come la formazione o gli standard e le particolarità di ogni mercato, l’industria ha già riconosciuto che i refrigeranti naturali sono fattibili, efficienti e che sono soluzioni a prova di futuro e possono essere perfettamente utilizzati come alternative agli HFC / HFO in quasi tutte le applicazioni. Oggi il Sudafrica, ad esempio, conta più di 100 negozi transcritici di CO2, dimostrando che la transizione verso queste soluzioni è già iniziata.

E per ora come si prospetta la partecipazione ad ATMO Europe 2018?

Finora l’interesse è eccezionale, e ci aspettiamo che ATMOsphere Europe 2018 divenga il più grande evento con più di 450 partecipanti, tra cui decisori chiave da parte di società di utenti finali, responsabili delle politiche, associazioni, mondo accademico e manifatturiero. Ci aspettiamo anche che un buon numero di utenti finali si unisca alla conferenza, poiché spesso essi usano gli eventi di ATMOsphere come una grande opportunità per imparare, incontrare i produttori e trovare soluzioni per le loro attività. Inoltre, per la prima volta quest’anno, possono beneficiare di un contributo di viaggio (NdR: da parte dell’organizzazione dell’evento), che è ancora disponibile.

Non dimentichiamo, inoltre, le nostre oltre 50 aziende e organizzazioni leader del settore, che ci supportano per questa conferenza, un numero da record rispetto agli anni passati. Queste organizzazioni, dopo tutto, stanno dando forma all’industria con le loro innovazioni e senza il loro impegno per ATMOsphere e per i refrigeranti naturali, l’evento non sarebbe stato possibile. Non vediamo l’ora di arrivare alla conferenza!

Il programma della conferenza è disponibile QUI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here