L’Europa verso COP24

EuropaIl Consiglio europeo dei ministri dell’ambiente ha adottato ieri le conclusioni sui cambiamenti climatici in cui

  • si sottolinea l‘urgenza senza precedenti necessaria per intensificare gli sforzi globali per evitare gli effetti pericolosi dei cambiamenti climatici;
  • sottolinea l’urgenza di affermare uan economia circolare per mitigare i cambiamenti climatici;
  • invita chi non lo abbia ancora fatto  a ratificare l’accordo di Parigi e lo sostiene pienamente;
  • afferma nuovamente il ruolo leader che la Ue prende nella lotta contro il cambiamento climatico.

Il cambiamento climatico sta accadendo e i suoi effetti si fanno sentire in tutto il mondo. I ministri dell’ambiente inviano al mondo un forte segnale politico in queste conclusioni, che costituiscono la base per definire la posizione dell’UE in occasione della prossima conferenza sul clima COP24 a Katowice, in Polonia, a dicembre.

«Oggi abbiamo sottolineato ancora una volta che l’UE continuerà a guidare la strada nell’azione globale sull’azione per il clima. L’UE deve svolgere un ruolo cruciale in questa importante questione. Le conclusioni di oggi ci danno una posizione solida e coerente per COP24» ha affermato Elisabeth Köstinger, ministro federale austriaco per la sostenibilità e il turismo.

Nelle conclusioni, i ministri reagiscono anche alla relazione speciale dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) sugli impatti del riscaldamento globale di 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali, che è stato reso pubblico l’altro ieri.

L’UE è impegnata nell’accordo di Parigi e sta attuando politiche ambiziose. Nelle loro conclusioni, i ministri dell’ambiente ricordano i progressi compiuti negli ultimi mesi dall’UE in merito a una legislazione che rispetta gli impegni presi per ridurre le emissioni di gas a effetto serra. Tra questi, il nuovo obiettivo UE 2030 per le energie rinnovabili del 32%, il nuovo obiettivo di efficienza energetica del 32,5%, la riforma del sistema di scambio delle emissioni dell’UE, gli obiettivi di riduzione delle emissioni nei settori che non rientrano nel campo ETS e l’integrazione dell’uso del suolo, cambiamento dell’uso del suolo e silvicoltura (LULUCF) nel quadro climatico ed energetico dell’UE.

È possibile una crescita a basse emissioni e resiliente ai cambiamenti climatici: l’UE sta continuando con successo a dissociare la crescita economica dalle emissioni. Tra il 1990 e il 2016, il PIL dell’UE è cresciuto del 53% mentre le emissioni totali sono diminuite del 22,4%. La quota dell’UE delle emissioni globali di gas a effetto serra è scesa da una stima del 17,3% nel 1990 al 9,9% nel 2012.

L’UE ritiene che un’azione collettiva ed equa, dove ognuno svolga la sua parte, sia il modo migliore per realizzare un’azione ambiziosa sul cambiamento climatico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here