Quanto sei efficiente? La classifica dell’International Energy Efficiency Scorecard 2018

Credits: 2018 INTERNATIONAL ENERGY EFFICIENCY SCORECARD © ACEE. Cliccare per ingrandire

L’ACEEE – American Council for an Energy Efficient Economy – ha pubblicato il suo International Energy Efficiency Scorecard 2018 che esamina le politiche di efficienza energetica e le prestazioni di 25 dei principali paesi al mondo che consumano energia. Per questa analisi sono stati utilizzati 36 parametri che valutano l’impegno nazionale di ciascun paese per il risparmio energetico, nonché le sue politiche di efficienza e le prestazioni nei settori dell’edilizia, dell’industria e dei trasporti. Per la prima volta lo studio include gli Emirati Arabi Uniti (UAE) e l’Ucraina.

I risultati del rapporto 2018 (disponibile QUI) indicano che alcuni paesi sono sorprendentemente migliori di altri nel risparmio energetico, ma tutti possono utilizzare meglio l’efficienza per raggiungere gli obiettivi climatici dell’Accordo di Parigi. Nessun paese si è avvicinato a un punteggio perfetto e la media è rimasta la stessa del 2016 – 51 su 100 punti possibili. Complessivamente, Germania e Italia si classificano al primo posto quest’anno con 75,5 punti, seguiti da vicino da Francia (73,5), Regno Unito (73) e Giappone (67).

«I nostri risultati mostrano che tutti i paesi trarrebbero vantaggio dall’adozione di ulteriori politiche di efficienza energetica» ha affermato Steve Nadel, direttore esecutivo di ACEEE. «Queste politiche ridurrebbero la dipendenza dalle importazioni di energia, creerebbero posti di lavoro, ridurrebbero l’inquinamento e farebbero risparmiare denaro alle persone e alle imprese. Aiuterebbero inoltre i paesi a rimanere competitivi a livello globale e a raggiungere gli obiettivi climatici» ha affermato Nadel, osservando che la domanda globale di energia è destinata a crescere del 30% entro il 2040.

All’interno dei settori, la Germania ha ottenuto il punteggio migliore per gli sforzi nazionali, compresi obiettivi e programmi trasversali. La Spagna ha conquistato il primo posto per gli sforzi legati agli edifici, mentre il Giappone ha guidato l’industria e la Francia per i trasporti.

Uno sviluppo preoccupante mostrano gli Stati Uniti che sono scivolati dall’8° posto del 2016 al 10° del 2018. «Questa tendenza è destinata a persistere se l’attuale amministrazione continua a smantellare le normative chiave» ha dichiarato Shruti Vaidyanathan, senior advisor per la ricerca di ACEEE. «A rischio imminente sono i consumi congiunti e le norme sui gas serra per i veicoli leggeri per gli anni di modello dal 2021 in poi, un programma che mette gli Stati Uniti in prima linea negli sforzi per l’efficienza dei veicoli». Anche le azioni dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti EPA stanno minacciando gli standard dei veicoli e i futuri miglioramenti degli standard esistenti degli apparecchi si sono fermati. Inoltre, il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo di Parigi suggerisce ulteriori conseguenze nel futuro. L’attenzione dell’amministrazione sulla produzione di energia piuttosto che sull’efficienza ha fatto sì che i progressi nelle politiche federali di efficienza energetica si siano in gran parte bloccati.

Una nota positiva: il notevole miglioramento del Messico, che è passato dal 19° posto nel 2016 al 12° quest’anno segnando 17 punti in più. La recente adozione da parte del Messico di un programma globale per l’efficienza energetica – il Programma nazionale per l’uso sostenibile dell’energia – ha stimolato investimenti significativi in ​​programmi e standard di efficienza. Inoltre, il Messico si trova appena sotto gli Stati Uniti e il Canada nelle classifiche di quest’anno, suggerendo che l’accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) potrebbe svolgere un ruolo nell’armonizzazione degli sforzi tra i tre paesi membri.

Alla fine della classifica di quest’anno ci sono l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, con punteggi di 16,5 e 18 punti, rispettivamente. Tuttavia, i punteggi per questi paesi riflettono in parte la scarsa disponibilità di dati. Il Sudafrica riempie il terzo inferiore con un punteggio di 23,5, quasi 10 punti in meno rispetto al 2016.

L’efficienza energetica dovrà rappresentare quasi la metà di tutte le riduzioni delle emissioni di gas serra necessarie fino al 2040 per limitare l’aumento globale della temperatura a 2 gradi Celsius, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia. Per raggiungere i loro obiettivi climatici e raccogliere i molteplici benefici dell’efficienza energetica, i paesi dovrebbero aumentare l’efficienza nei loro piani economici ed energetici e imparare gli uni dagli altri emulando le migliori politiche e pratiche dei principali paesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here