Gli adsorbitori per il raffreddamento dei centri elaborazione dati

0
390

È noto che i Data Center consumano molta energia elettrica e la domanda è in costante aumento: a oggi il 3% dell’energia elettrica generata in tutto il mondo viene utilizzata proprio dai Centri di elaborazione dati (CED). Come anche riportato da ZeroSottoZero, alcuni istituti di ricerca prevedono un aumento della domanda di energia superiore a 10% annuo fino al 2020. Il raffreddamento dei rack server determina un grande consumo di energia in un CED.

I refrigeratori a adsorbimento di FAHRENHEIT GmbH, distribuiti in Italia da Gruppo ATR di Castelfranco Veneto, possono offrire enormi opportunità di risparmio, in particolare proprio nei Data Center, dove una buona parte della potenza di calcolo si trasforma in calore e le apparecchiature sono in funzione 24 ore su 24.

Gli adsorbitori eCoo 2.0 sono utilmente applicabili anche alle sale server medio-piccole delle aziende. In generale, i refrigeratori a adsorbimento eCoo 2.0 possono essere utilizzati in due configurazioni per il raffreddamento dei computer. Entrambe hanno l’ulteriore vantaggio di rispettare l’ambiente, utilizzando, come efrigerante, esclusivamente l’acqua e riducendo la CO2 in linea con il consumo energetico.

  1. Utilizzo di calore esterno come fonte di alimentazione degli adsorbitori – I sistemi di micro cogenerazione e di cogenerazione sono particolarmente interessanti dal punto di vista delle fonti di calore utilizzabili. In alternativa, può essere impiegato anche il riscaldamento solare o il teleriscaldamento. È possibile beneficiare di una significativa riduzione del consumo di energia elettrica e di gestire un Centro di Elaborazione Dati  molto ecologico, anche per  soluzioni di appena 5 kW in potenza di raffreddamento.
  2. Utilizzo delle CPU (Central Processing Unit) come sorgente di calore (vedere illustrazione sopra) – Il calore generato dagli stessi dispositivi di calcolo può essere utilizzato, attraverso gli adsorbitori eCoo 2.0, per generare freddo da destinare a quelli periferici, quali dischi rigidi, interruttori di rete, alimentatori, ecc.. Ciò consente di ridurre il consumo di energia totale e il TCO (Total Cost of Ownership) rispetto ad altri sistemi di raffreddamento delle CPU. Questa soluzione è particolarmente interessante nel caso di CPU raffreddate da fluidi liquidi.

Maggiori dettagli sui refrigeratori eCoo 2.0 sono reperibili QUI.

Gruppo ATR opera da oltre 25 anni nel settore della climatizzazione (unità di trattamento dell’aria, roof top, pompe di calore, torri evaporative, sistemi termodinamici, deumidificatori per piscine) e in quello dell’energia (cogenerazione, micro cogenerazione, sistemi ad adsorbimento, celle a combustibile, micro-turbine a gas, generatori termici) con numerose applicazioni ospedaliere, farmaceutiche, alimentari, navali, industriali, commerciali, ecc. Attraverso la divisione EES Energy&Service, gruppo ATR provvede direttamente ai collaudi e alla manutenzione delle apparecchiature fornite, oltre a offrirne la gestione energeticamente più favorevole.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here