Alcune domande sulla Conferenza sul clima di Parigi

 Dr. Hans Schipper, Süddeutsches Klimabüro (© kit.edu )
Dr. Hans Schipper, Süddeutsches Klimabüro (© kit.edu )

Risponde il Dr. Hans Schipper, del Süddeutsches Klimabüro, un’istituto che fa da interfaccia tra ricerca e società per la preparazione e diffusione di informazione corretta e competente sul clima. Per le competenze scientifiche si appoggia al Karlsruher Institut für Technologie (KIT). L’intervista è stata condotta da Margarete Lehné e se ne può trovare la versione integrale QUI

D: Di cosa si parlerà esattamente a Parigi?

Dr. Hans Schipper: L’obiettivo della conferenza sul clima è un accordo globale per ridurre le emissioni di gas serra, in particolare di anidride carbonica (CO2). La difficoltà qui è che i gas serra attualmente presenti nell’atmosfera sono il risultato delle emissioni di oltre 100 anni. Inoltre la quantità di gas serra è così alta, che una riduzione delle emissioni dovrebbe avvenire immediatamente. I paesi che attualmente causano la maggior parte delle emissioni di CO2 hanno un ruolo centrale. Tuttavia, questi non sono più i principali paesi industrializzati negli ultimi decenni, ma le nazioni con elevata crescita economica come la Cina. Una delle principali sfide sarà dunque trovare un accordo che concili, anche economicamente, le “colpe pregresse” con le emissioni attuali.

D: Perché abbiamo bisogno di un accordo globale sui cambiamenti climatici – e perché è così difficile trovare un accordo vincolante?

Dr. Hans Schipper: Entrambe le cause e le conseguenze del cambiamento climatico sono questioni globali – ma non sono distribuiti uniformemente in tutto il mondo: i paesi che contribuiscono a un aumento delle concentrazioni di gas serra nell’atmosfera sono diversi da quelli che sono i più colpiti dalle conseguenze del cambiamento climatico. Pertanto, solo una soluzione globale completa può realizzare passi importanti per affrontare questi problemi. L’effettiva attuazione delle singole misure avverrà quindi piuttosto a livello nazionale o regionale.

D: Che cosa comporta esattamente l’obiettivo dei due gradi e cosa succede qualora si superasse questo limite?

Dr. Hans Schipper: Gli studi scientifici dimostrano che le conseguenze di un aumento della temperatura media globale di più di due gradi Celsius saranno irreversibili. Ovvero, sia in atmosfera che negli oceani inizieranno processi che potremo scarsamente o per nulla controllare. Naturalmente, ciò non significa che una volta superato il limite vi saranno immediatamente scenari apocalittici, ma che dobbiamo contare con cambiamenti che non riusciamo nemmeno a immaginarci. Dobbiamo essere consapevoli che stiamo parlando comunque sempre di temperature medie mondiali .

D: Di cos’altro si parlerà in Parigi?

Dr. Hans Schipper: Temi centrali includono, per esempio, il Fondo verde per il clima e REDD +. Tramite il Fondo le nazioni industrializzate dovrebbero disporre denaro per progetti di protezione del clima nei paesi emergenti e in via di sviluppo. A partire dal 2020, il Fondo prevede 100 miliardi di dollari. Negli anni 2015-2018 dovrebbero venire versati ogni anno 2,5 miliardi di dollari. Da dove debba venire il denaro, però, è ancora questione aperta. “REDD +” è invece uno strumento di protezione del clima in cui si parla di riduzione delle emissioni da deforestazione e uso delle foreste. REDD è sinonimo di riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado forestale, il “+” sta per l’esame delle norme sociali. 13 milioni di ettari di foresta vengono cancellate ogni anno, pari a quattro volte più grande del Belgio. Le emissioni derivanti da questo disboscamento delle foreste sono al secondo posto dopo quelle derivanti da combustibili fossili.

 

D: Cosa possiamo aspettarci realisticamente da Parigi?

Dr. Hans Schipper:: Fondamentalmente mi fa piacere che il tema del clima, a dispetto di molte altre problematiche, sia costantemente sull’agenda delle politiche globali. Una delle mie aspettative è che questa presenza sia ancora più accentuata nel dopo Parigi. Altrimenti, aspettative più realistiche (mandato per il clima dal 2020, finanziamenti per il Fondo verde, etc.) sono difficili da formulare.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here